Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Toscana in zona arancione | Riaprono parrucchieri e centri estetici, studenti in classe anche nei licei

Via libera anche a barbieri, negozi di abbigliamento e ai centri che offrono la possibilità di svolgere sport individuali come il tennis, il golf o il padel

La Toscana tornerà quasi interamente arancione a partire da oggi, lunedì 12 aprile. Firenze, la provincia di Prato e altri comuni tra cui San Miniato, Montopoli in Val d'Arno, Santa Croce sull'Arno (qui l'elenco completo) resteranno rossi fino alle 14 del 17 aprile per poi rientrare nella fascia con minori misure restrittive. A partire da oggi riaprono alcune attività che erano state costrette a chiudere nelle due settimane precedenti come centri estetici. Importanti novità anche per quanto riguarda la scuola e gli spostamenti mentre tornano possibili alcune attività sportive. 

Toscana in zona arancione, i negozi aperti e le attività consentite 

Negozi, bar e ristoranti

Le principali novità riguardano, oltre i centri estetici, i parrucchieri, barbieri e negozi di abbigliamento che potranno riaprire rispettando naturalmente tutte le norme antiCovid. I centri commerciali. Nei weekend restano chiusi i centri commerciali eccezion fatta per farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. 

Per quanto riguarda bar e ristoranti, continua il divieto di consumare cibi e bevande all’interno dei locali. Dalle 5 alle 18 è consentita la vendita da asporto senza restrizioni mentre dalle 18 alle 22 è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina. La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario. 

Scuola

Didattica in presenza al 100% alle elementari e medie. Alle superiori didattica in presenza alternata per minimo il 50% e fino al 75% degli studenti. Per quanto riguarda le università invece la decisione spetterà ai singoli atenei. 

Attività sportive

Durante l'orario nel quale è consentito uscire, ovvero dalle 5 alle 22, è possibile svolgere attività sportiva, anche amatoriale, o attività motoria solo all'aperto, anche in aree attrezzate e parchi pubblici sempre mantenendo la distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri. Gli sport come tennis e padel, non rientrando nelle categorie degli sport di contatto, potranno continuare solo in centri e circoli sportivi all'aperto. 

Spostamenti

Si potrà continuare a uscire liberamente nel proprio comune dalle 5 alle 22. Dopo servirà l'autocertificazione per motivi di lavoro, salute o necessità. È consentita una sola visita al giorno a casa di parenti o amici, nello stesso comune, in massimo 2 persone più figli minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti conviventi. Dai comuni fino a 5mila abitanti spostamenti consentiti anche entro i 30 km dai confini con divieto di andare nei capoluoghi di provincia.

Ci si potrà spostare in comuni limitrofi per: comprare prodotti necessari alle proprie esigenze o per maggiore convenienza economica, accudire gli animali allevati, curare i terreni e l'attività diretta alla produzione per autoconsumo. Resta vietato lo spostamento tra regioni se non per comprovate esigenze lavorative o di salute. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana in zona arancione | Riaprono parrucchieri e centri estetici, studenti in classe anche nei licei

LivornoToday è in caricamento