Cronaca

Coronavirus, Toscana in zona rossa fino al 20 aprile: la decisione del ministro Speranza

Decisivo il tasso di positività superiore alla soglia dei 250 casi ogni 100mila abitanti

La Toscana resta in zona rossa almeno fino a martedì 20 aprile. A stabilirlo, nel pomeriggio di sabato 3 aprile, è stata l'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati emersi dal monitoraggio della cabina di regia, con il tasso di positività regionale che si assesta a 261 casi ogni 100mila abitanti, superiore quindi alla soglia dei 250 oltre la quale scatta in automatico la zona rossa.

"Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus SARS-Cov-2 - si legge nell'ordinanza -, alle Regioni Calabria,  Campania,  Emilia  Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana e Valle d'Aosta, si applicano, per un periodo di ulteriori quindici giorni, le misure della zona rossa. La presente ordinanza produce effetti dal primo giorno non festivo successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale". 

Restano quindi invariate le misure restrittive in vigore: l'unica novità sarà rappresentata dalla scuola. Fino alla prima media infatti si potrà tornare a fare lezione in presenza mentre tutti gli altri studenti continueranno con la didattica a distanza.

Toscana zona rossa, regole e divieti

Toscana zona rossa, rischio epidemico alto

In precedenza, nel monitoraggio dei tecnici dell'Istituto Superiore della Sanità e dei tecnici del ministero era emerso che il rischio epidemico si manteneva elevato in sei Regioni (Calabria, Emilia-Romagna, Liguria, Puglia, Toscana e Veneto). Tredici Regioni/Province autonome avevano invece una classificazione di rischio moderato (di cui sette ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane) e una Regione (Basilicata) e una Provincia Autonoma (Bolzano) avevano una classificazione di rischio basso. 

I nuovi colori delle regioni italane dopo Pasqua

Zona rossa
Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Valle d’Aosta

Zona arancione
Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche Molise, Sicilia, Sardegna, Umbria, Veneto e Province autonome di Bolzano e di Trento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Toscana in zona rossa fino al 20 aprile: la decisione del ministro Speranza

LivornoToday è in caricamento