Windsurf ai Tre Ponti più sicuro grazie agli interventi di soccorso della Fisa: le foto

La Federazione Italiana Salvamento Acquatico ha garantito la sicurezza con moto d'acqua e una postazione a terra

È stato un weekend caratterizzato dal maltempo, quello del 29 e 30 agosto. Il forte vento e il mare mosso hanno spinto molti appassionati di windsurf e surf, provenienti anche da fuori regione, a darsi appuntamento al Centro Surf 3 Ponti di Livorno, vero e proprio punto di riferimento per gli amanti di questa disciplina. La sicurezza in acqua, grazie al protocollo di intesa tra il Centro e la Federazione Italiana Salvamento Acquatico in accordo con il Comune di Livorno, è stata garantita dai soccorritori della Fisa, presenti con una moto d'acqua e una postazione a terra di assistenza bagnanti. Il tutto è stato coordinato dal maestro di salvamento Gian Carlo Perrotta.

Fisa Tre Ponti-3

La moto d'acqua, sulla quale erano presenti Tommaso Quaglierini e Federico Bottoni, è stata fondamentale in più occasioni per recuperare chi, a causa della forte corrente, non riusciva a rientrare a terra. Nella postazione a terra si sono invece alternati André Egas, Diego Valenti, Enrico Tiso, Daniele Martorana, Lamberto Bettinetti, Niccolò Demi, Alberto Nassi, Matilde Quaglierini e Roberto Carrani con Pinta dell'unità cinofila, pronti, insieme alle associazioni (Svs e Misericordia) impegnate nell'attività di soccorso in mare insieme alla Guardia costiera di Livorno per tutta la stagione balneare,  a  intervenire in caso di emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Toscana zona rossa fino al 4 dicembre, Giani: "Ancora un po' di pazienza, poi fino a Natale in zona arancione o gialla"

Torna su
LivornoToday è in caricamento