rotate-mobile
Cronaca

Truffò anziani a Livorno spacciandosi per un avvocato: 32enne arrestato

L'uomo, braccio esecutivo di una banda, prelevava i soldi dalle persone di una certa età dopo la chiamata di un complice il quale li avvisava che un loro parente era rimasto coinvolto in un incidente

Sarebbe stato il braccio esecutivo di una banda di truffatori di anziani, ovvero quelli che telefonavano a casa di persone di una certa età per dire loro che un figlio o un parente era rimasto coinvolto in un incidente e che dovevano subito pagare dei soldi per evitargli la galera. Nella maggior parte dei casi le persone cadevano nella trappola e allora ecco arrivare un finto avvocato o un finto carabiniere che bussava alle loro porte per riscuotere il bottino. Un "ruolo", questo, ricoperto da un 32enne, autore di colpi a Reggio Calabria, Gioia Tauro, Pisa e soprattutto Livorno, che tuttavia è stato arrestato e portato in carcere come disposto dal gip del tribunale livornese. 

I carabinieri sono arrivati a lui visto che l'uomo, lo scorso giugno, avrebbe tentato una truffa ad Osimo (Ancona) facendo partire le indagini. Sono almeno sette i colpi che avrebbe messo a segno, la maggior parte proprio a Livorno con un modus operandi ben chiaro. Sarebbe stato proprio il 32enne infatti ad andare a casa degli anziani a prelevare i contanti o i gioielli dopo la "famosa" chiamata di un complice. Il gip, nell'ordinanza cautelare, lo ha definito un uomo "dalla elevata capacità criminale, figura itinerante, inserita in una compagine criminale che certamente coinvolge più soggetti e che agisce con professionalità e sistematicità nelle truffe seriali in danno di persone spesso fragili e indifese". Le indagini continueranno nel tentativo di dare un nome ai complici e di restituire le somme indebitamente sottratte alle vittime, mentre l'arrestato è stato portato nel carcere di Poggioreale, a Napoli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffò anziani a Livorno spacciandosi per un avvocato: 32enne arrestato

LivornoToday è in caricamento