rotate-mobile

"Lavoro nero durante gli eventi estivi a Livorno", Usb va all'attacco con esposti e denunce. Video

Iniziativa del sindacato nella mattina di venerdì 22 luglio di fronte alla direzione provinciale del lavoro

Ristorazione, eventi e spettacolo. Sono questi i settori sui quali si è concentrata l'attenzione del sindacato Usb che, nella mattina di venerdì 22 luglio, ha organizzato un presidio di fronte alla direzione territoriale del lavoro e ha incontrato i dirigenti Inps. Una protesta che arriva a seguito di alcune situazioni definite 'irregolari' dal sindacato stesseo, soprattutto in merito all'organizzazione degli eventi estivi a Livorno e alle condizioni di alcuni lavoratori facenti parte di società in appalto. Come spiegato in una nota trasmessa lo scorso 20 luglio "abbiamo inviato una diffida direttamente alla Fondazione Goldoni rispetto alle condizioni di lavoro delle ditte in appalto - dice Usb -, un esposto alla direzione territoriale del lavoro circa l'utilizzo di lavoratori totalmente 'al nero' durante gli eventi estivi e  esposto all'anti frode Inps per il mancato versamento dei contributi ex Enpals (la cassa dei lavoratori dello spettacolo) per quanto riguarda la Fondazione Lem". 

Ceraolo: "Necessario trovare un equilibrio e rispettare le condizioni di lavoro degli operatori del settore"

"Non ci fermeremo ovviamente qui", hanno aggiunto. E infatti venerdì 22 luglio si sono presentati all'Inps. "Questa manifestazione davanti alla direzione territoriale del lavoro si inserisce in una campagna nazionale dal nome un po' provocatorio che si chiama 'cercasi schiavo' - ha spiegato Giovanni Ceraolo -, Abbiamo avuto un incontro la dirigente dell'ispettorato, ma ce ne sono stati altri anche con il Comune. Siamo contenti del ritorno di tutti gli eventi estivi - aggiunge -, però ci aspettavamo anche dal Comune stesso che questo rilancio andasse di pari passo con condizioni di lavoro dignitose, accettabili e soprattutto regolari. Nel mirino c'è il cosiddetto lavoro 'grigio', che è diffusissimo, per i dati che abbiamo noi, cioè persone contrattualizzate a poche ore e poi in realtà ne fanno 8/10. È una cosa grave, non solo perché i contributi pensionistici poi vengono calibrati sulle ore reali, ma c'è anche una questione legata alla sicurezza, ed esiste purtroppo il fenomeno del lavoro 'nero'".

"Su questo - ha aggiunto Ceraolo - all'ispettorato del lavoro oggi abbiamo fatto una denuncia specifica per quanto riguarda lavoratori impegnati anche nel montaggio dei palchi, anche in fondazioni pubbliche, questa è la nostra posizione. Poi starà agli organi competenti dimostrarlo, ci aspettavamo un'attenzione maggiore, anche nelle dichiarazioni del Comune. Invece la realtà è fatta da centinaia se non migliaia di lavoratori che non vedono rispettate a pieno le condizioni giuste e la regolarità del lavoro. Siamo qui per denunciare questo - ha concluso -, abbiamo chiesto di fare più controlli. Sappiamo che ci sono state tante difficoltà nel settore, ma va trovato anche un equilibrio e la necessità di rispettare le condizioni di lavoro degli operatori del settore". 

Si parla di

Video popolari

"Lavoro nero durante gli eventi estivi a Livorno", Usb va all'attacco con esposti e denunce. Video

LivornoToday è in caricamento