menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino Covid, Giani: "Prima dose a tutti gli over 80 toscani entro il 25 aprile"

Ogni medico avrà le dosi necessarie per definire il calendario completo degli appuntamenti

"È nostra intenzione vaccinare tutti i 320mila over 80 toscani entro il 25 aprile e immunizzarli entro la metà di maggio. Sappiamo che è una corsa contro il tempo, ma ci siamo organizzati al meglio per realizzare questa nostra volontà". Parole del presidente della Regione, Eugenio Giani, che oggi, giovedì 18 marzo, ha illulstrato lo sviluppo del piano vaccinale Covid in Toscana insieme all'assessore alla Sanità Simone Bezzini, decisi a dare una spinta ulteriore alla somministrazione delle dosi, nuove forniture permettendo. La strategia toscana, articolata in filoni vaccinali simultanei, punta ad accelerare sulla copertura vaccinale degli anziani più a rischio e delle persone particolarmente fragili, attenendosi a due principali criteri di priorità: età e patologia.

"A giorni - commenta il governatore - tutto il personale sanitario e socio-sanitario, impegnato in prima linea fin dall'inizio della pandemia, riceverà anche la seconda dose e potremo dare una spinta ulteriore alla copertura vaccinale di altre categorie come gli estremamente vulnerabili, che proteggeremo anche vaccinando i familiari e chi si prende cura della loro assistenza. Ringrazio tutti gli attori, che stanno dando il massimo a fianco della Regione Toscana in questa sfida quotidiana, che coinvolge tutti e vinceremo insieme". 

Vaccino Covid Toscana agli over 80, ogni medico di famiglia avrà le dosi di cui necessita 

Grazie alla disponibilità di forniture crescenti di vaccino, fanno sapere dalla Regione, nelle prossime due settimane verranno effettuate circa 120mila somministrazioni: 50mila la prossima settimana, 70mila dal 29 marzo al 4 aprile. Nel mese di aprile le forniture previste di Pfizer cresceranno ancor più sensibilmente. Un'accelerazione, questa, che consentirà a ogni medico di medicina generale di avere a disposizione le dosi di cui necessita, di programmare la vaccinazione e di definire il calendario completo degli appuntamenti, fornendo ai propri assistiti una data certa per la somministrazione del vaccino. La chiamata attiva da parte dei medici di famiglia consente anche di raggiungere tutti e ridurre al minimo il rischio di escludere qualcuno. I medici avranno la possibilità di vaccinare anche nei fine settimana. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Pulizia a vapore: tutti i vantaggi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento