Cronaca Ardenza-LaRosa

Vandali al circolo Pd di Ardenza-La Rosa: siliconata la porta e manifesti strappati

La denuncia del deputato democratico Andrea Romano e del segretario Francesco Menicagli: "Clima intimidatorio a pochi giorni dalle elezioni"

Manifesti elettorali strappati e serratura siliconata per impedire l'ingresso. È questo lo scenario di fronte al quale si sono trovati questa mattina sabato 18 maggio i militanti del Pd quando sono arrivati al circolo di Ardenza-La Rosa. A denunciare l'atto vandalico che, a pochi giorni dalle elezioni amministrative ed europee, assume un "significato intimidatorio" sono il segretario del circolo Francesco Menicagli e il deputato democratico Andrea Romano. Lo fanno con un video dove si sottolinea come, dopo una campagna elettorale serena, "qualcuno vuole inquinare il clima con atti intimidatori ai quali non risponderemo se non con la qualità delle nostre idee e dei nostri candidati".

Romano: "Qualcuno vuole far salire lo scontro"

"Finora la campagna elettorale a Livorno si è svolta in modo molto sereno - dice Romano -, ogni coalizione ha portato avanti i suoi argomenti e le proprie idee ma evidentemente a qualcuno non piace questo clima e non piace il confronto delle idee.L'atto intimidatorio di cui siamo stati vittime questa notte al circolo Pd Ardenza-La Rosa segna la volontà di qualcuno di far salire lo scontro dalle idee alla violenza verbale, forse fisica"

"Non reagiremo se non con la qualità delle nostre idee"

Quindi il riferimento alle scritte antisemite comparse in via Buontalenti, tra i banchi fuori del mercato del centrale. "Quanto successo in via Buontalenti è assimilabile al più intollerabile antisemitismo - spiega Romano -. Non sappiamo se i due atti siano collegati, ma in ogni caso c'è qualcuno che sta soffiando sul fuoco, c'è qualcuno che potrebbe ricorrere alle intimidazioni violente e vorrebbe avere da parte nostra reazioni che non avrà perché noi manterremo la più totale serenità, puntando sulla qualità delle idee e dei nostri candidati, a partire dal candidato sindaco Luca Salvetti". 

"Salvini garantisca la sicurezza anche qui a Livorno"

Infine l'appello al ministro Salvini, responsabile della sicurezza su tutto il territorio nazionale: "Facciamo un appello molto fermo innanzitutto al ministro dell'Interno Salvini affinché garantisca, anche qui a Livorno, la più totale incolumità dei candidati di ogni forza politica e la sicurezza di questa campagna elettorale - chiude Romano -. È lui il responsabile della sicurezza ovunque in Italia e dunque lui che deve intervenire perché non si ripetano atti intimidatori e violenti come quello che è avvenuto stanotte ai danni del partito democratico. E naturalmente facciamo appello a tutte le forze politiche affinché mantengano il rigore, la serietà e la serenità che ha contraddistinto questo confronto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali al circolo Pd di Ardenza-La Rosa: siliconata la porta e manifesti strappati
LivornoToday è in caricamento