rotate-mobile
Cronaca

Tredicenne sorpreso a rubare, la zia va in questura per l'affidamento ma viene arrestata: era ricercata per furto

La donna era latitante, su di lei un provvedimento di custodia in carcere per furti in appartamento. Il nipote era stato fermato in viale Alfieri insieme a una 19enne

Si è presentata in questura per l'affidamento del nipote tredicenne, sorpreso insieme a una giovane di 19 anni mentre tentava di intrufolarsi in un condominio di viale Alfieri con il chiaro intento di rubare in qualche appartamento, ma quando è arrivata in questura è stata arrestata per furto e trasferita nella casa circondariale di Sollicciano, a Firenze. Identificata dal personale della squadra mobile, che nei giorni scorsi aveva fermato il minorenne, la 23enne, zia materna del ragazzino, era infatti destinataria di una misura cautelare in carcere emessa dalla procura di Oristano per reati commessi nella provincia sarda.

Contestualmente, è stata indagata anche la 19enne per aver contravvenuto il divieto di ritorno nel comune di Livorno, dal quale era stata precedentemente allontanata, mentre il minore, il cui padre si era rifiutato di andare a prenderlo negli uffici di viale Boccaccio, mandando la cognata al posto suo, è stato affidato a una casa famiglia della provincia di Pisa. Sotto sequestro cacciaviti e chiavi inglesi utilizzati nel tentato furto in viale Alfieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tredicenne sorpreso a rubare, la zia va in questura per l'affidamento ma viene arrestata: era ricercata per furto

LivornoToday è in caricamento