menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Focolaio a Villa Serena, Usb: "Denunciata la lentezza nell'effettuare tamponi ad anziani e operatori"

Lo sfogo del sindacato dopo che nella struttura sono risultati positivi 35 ospiti: "Un plauso comunque ai dipendenti che lavorano sempre in condizioni difficili"

L'Unione sindacale di base ha espresso tutto il suo rammarico per il recente focolaio a Villa Serena dove 35 anziani e 6 operatori sono risultati positivi al Coronvirus dopo lo screening effettuato all'interno della struttura. Il sindacato punta il dito, prima di tutto, sulla prevenzione: "Avevamo già denunciato la lentezza nell'effettuare i tamponi sia agli ospiti sia agli operatori. In quest'ultimo caso sono stati effettuati i cosiddetti test rapidi e non quelli molecolari e ci chiediamo come mai per ospiti e operatori non siano state messe in campo dall'Asl delle procedure ad hoc per velocizzare l'effettuazione dei tamponi".  

Usb, tuttavia, difende l'operato di chi lavora nell'Rsa: "La loro esperienza, serietà e competenza non è mai stata messa in dubbio da nessuno e con questa frase vorremmo solo far presente la disparità di trattamento economico rispetto ai loro colleghi assunti direttamente dalla Asl. Lavorare in questi luoghi vuol dire indossare per 7 ore (10 di seguito per i turni notturni) pesanti Dpi assolutamente necessari, ma che ovviamente rendono difficoltoso e più faticoso il lavoro che viene svolto. Vuol dire stare a contatto con centinaia di pazienti, molto spesso non autosufficienti, che praticamente non vedono da mesi i propri cari che hanno dovuto ovviamente cambiare tutte le proprie abitudini. Vuol dire affrontare una situazione straordinaria mettendo tutta la determinazione e la serietà possibile affinché si possa tornare a casa senza aver contratto il virus, ma soprattutto con la responsabilità di aver svolto il proprio lavoro senza mettere a rischio la vita di centinaia di persone".

Il sindacato, infine, prova a spiegare come, secondo la sua opinione, si sarebbe diffuso il Covid all'interno di Villa Serena: "I dispositivi indossati non danno mai una copertura al 100% e spesso i pazienti sono accompagnati per visite mediche in ospedale dove entrano in contatto necessariamente con persone esterne in luoghi sempre a rischio. Senza contare che  all'interno delle strutture ci sono pazienti con svariate patologie, alcune di essi sono difficilmente 'controllabili' in ogni momento". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Panettone World Championship 2021, Lorenzo Cristiani vola in semifinale: "Soddisfazione enorme, risultato da condividere con l'intera famiglia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento