rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca

Nascondeva al fisco uno yacht da 2,5 milioni di euro, multato dalla guardia di finanza

Sulla barca era issata la bandiera di un paese straniero, dove il proprietario aveva acceso un leasing, per cercare di eludere i controlli

Non ha dichiarato al fisco un super yacht da 2,5 milioni di euro, ma è stato scoperto dalla guardia di finanza della stazione navale di Livorno che lo ha multato. L'indagine delle fiamme gialle è stata caratterizzata da un'accurata e specifica analisi info-investigativa che ha permesso di constatare l'utilizzo, da parte del soggetto sottoposto a controllo per l'acquisto dell'imbarcazione in questione, dell'accensione di un leasing finanziario associato ad un relativo conto corrente bancario annualmente finanziato, aperto nel paese estero, che gli ha permesso di issare la sua bandiera.

L'utilizzo di tale espediente ha reso ancora più difficile l'identificazione del proprietario dell'imbarcazione ed il relativo flusso di capitali verso l'estero, in un contesto più ampio del fenomeno definito "flagging out". Si tratta di un processo che vede connazionali proprietari di unità da diporto di valore ricercare registrazioni navali estere che consentano soprattutto di nascondere appunto la reale proprietà delle imbarcazioni, considerate nella fattispecie "beni di lusso", al fisco italiano con la conseguente mancata dichiarazione nel previsto quadro Rw del modello Unico. L'espediente però non è servito al proprietario dello yacht ad eludere il controllo della Finanza che, dopo tutti gli accertamenti del caso, lo ha multato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nascondeva al fisco uno yacht da 2,5 milioni di euro, multato dalla guardia di finanza

LivornoToday è in caricamento