rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Cronaca

Guerra in Ucraina: sequestrato yacht all'oligarca russo Mordashov, ex proprietario delle acciaierie di Piombino

Operazione della guardia di finanza. Un'altra imbarcazione del magnate, "Nord", l'anno scorso è stata vista all'isola d'Elba

La guardia di Finanza ha sequestrato, nel porto di Imperia, il maxi yacht Lady M (foto Ansa) appartenente al magnate russo Alexei Mordashov, principale azionista e presidente di Severstal, un conglomerato russo con interessi in società metallurgiche, energetiche e minerarie. Si tratta, come spiegato dall'Ansa, del primo provvedimento disposto dal Comitato di sicurezza finanziaria nei confronti di beni di magnati russi in Italia. Mordashov, considerato da Forbes l'uomo più ricco di Russia, dal 2005 al 2012 è stato proprietario delle acciaierie di Piombino e lo scorso anno un altro suo yacht, il Nord, è stato visto all'Isola d'Elba, a inizio agosto, nelle acque dinanzi a Portoferraio. La sua barca, considerata una delle più costose al mondo, non passò certo inosservata con tanti curiosi che si avvicinarono per fotografarla.  

Chi sono i 26 oligarchi russi colpiti dalle sanzioni Ue

Come riporta Today.it, in totale nel mirino sono finiti 26 oligarchi russi che hanno accumulato ingenti ricchezze negli anni ed ora vengono in Europa per far studiare i propri figli e godersi la vita. In Italia se ne sono visti molti: hanno acquistato mega ville e solcato i nostri mari con i loro mega yacht. Oltre a Mordashov, un alltro miliardario russo che frequenta assiduamente il nostro paese è Alisher Usmanov, proprietario del gigante dell’alluminio Metalloinvest. Ha comprato ville su ville in Italia: villa di Merloni a Romazzino, villa Maramozza a Lerici e altre sette o otto mega abitazioni di lusso vicino al Golfo del Pevero. C'è poi Igor Sechin, numero uno del colosso petrolifero di stato Rosneft, che gira il nostro paese con uno yacht di 88 metri visto spesso a Liscia di Vacca. Ha fatto affari con molte società italiane da Saras a Pirelli per poi unirsi ad Eni nel mega giacimento di gas di Zohr a nord dell’Egitto. Nella lista compaiono anche i nomi del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, dei proprietari del gruppo Alfa Mikhail Fridman e Petr Aven, il capo della Transneft Nikolai Tokarev, l'uomo d'affari Sergei Roldugin, il vice primo ministro Dmitry Chernyshenko, il ministro dell'edilizia, dell'edilizia abitativa e dei servizi pubblici Irek Faizullin, il ministro dei trasporti Vitaly Savelyev e il regista e attore Tigran Keosayan.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra in Ucraina: sequestrato yacht all'oligarca russo Mordashov, ex proprietario delle acciaierie di Piombino

LivornoToday è in caricamento