Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Toscana zona rossa, supermercati e negozi chiusi a Pasqua e Pasquetta: l'ordinanza di Giani

Potranno restare aperti edicole, farmacie e parafarmacie. Prevista la consegna a domicilio per i beni di prima necessità

Così come accaduto nel 2020, anche quest'anno supermercati e negozi a Pasqua e Pasquetta saranno chiusi. Lo ha stabilito la Toscana con l'ordinanza 42 del 2 aprile (qui il testo completo). Per il 4 e 5 aprile quindi saracinesche abbassate per tutti gli esercizi commerciali, compresi tabacchi e alimentari. L'unica deroga, come si legge nel testo dell'ordinanza, sarà rappresentata per edicole, farmacie e parafarmacie. Per quanto riguarda bar e ristoranti: "È fatta salva, nel rispetto della vigente legislazione emergenziale, la facoltà della sola consegna a domicilio, esclusivamente mediante la prenotazione online o telefonica e non presso l'esercizio commerciale, dei generi alimentari e di beni di prima necessità". 

L'elenco delle attività che possono fare asporto

Rispondendo alle numerose richieste che sono arrivate, la Toscana ha precisato un aspetto riguardante i giorni di Pasqua e Pasquetta: "Ristoranti, i bar, i pub, le rosticcerie, le pasticcerie, i negozi di pasta fresca, le gelaterie, le pizzerie, i panifici continuano ad esercitare la loro attività con le regole della zona rossa e quindi possono fare sia l'asporto che la consegna a domicilio negli orari consentiti". Le macellerie invece così come  i negozi di vicinato, le medie e le grandi strutture di vendita possono fare solamente consegne a domicilio. 

La Toscana sulle chiusure: "I numeri del contagio ci impongono massima cautela"

L'assessore alle Attività produttive, Leonardo Marras, spiega il perché di questa nuova ordinanza: "Siamo stati convinti di riproporre, come lo scorso anno, le chiusure per questi giorni festivi dai numeri dei contagi, ancora elevanti e preoccupanti, che ci impongono di mantenere alta l'attenzione. Le attività artigianali ed i pubblici esercizi non essendo ricomprese tra le attività sottoposte a chiusura, potranno continuare, anche nei giorni 4 e 5 aprile, ad esercitare l'attività come regolato dalla zona rossa nazionale e cioè, facendo sia l'asporto che la consegna a domicilio negli orari consentiti. Allo stesso modo per il commercio ambulante, che non rientra tra le categorie individuate nell'ordinanza, sono valide le regole del Dpcm". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana zona rossa, supermercati e negozi chiusi a Pasqua e Pasquetta: l'ordinanza di Giani

LivornoToday è in caricamento