rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cucina

Migranti salvati in mare dalla Life Support, la nave Emergency assegnata al porto di Livorno: "Troppo lontano". Video

Si tratta di 35 persone soccorse in acque internazionali. Il coordinatore missioni Sar, Albert Mayordomo: "Lo sbarco a 670 miglia dal salvataggio non rispetta il diritto internazionale"

Sono stati soccorsi nella serata di ieri, sabato 29 aprile, e salvati in acque internazionali in preda a uno stato di ansia e disorientamento dopo quattro giorni senza acqua e senza cibo. E nella mattinata di mercoledì 3 maggio arriveranno nel porto di Livorno a bordo della Life Support di Emergency alla quale è stato assegnato dalle autorità proprio lo scalo livornese per lo sbarco. Si tratta di 35 migranti, tra cui un minore, che avevano  lasciato Tobruk nella notte fra martedì 25 e mercoledì 26 aprile. emerg.

Come racconta il medico della Life Support di Emergency Alessandro Trainito, "le persone soccorse accusavano segni di stress emotivo e di disidratazione, non avevano scorte sufficienti né di acqua né di viveri. Nelle prossime ore il team sanitario a bordo monitorerà le loro condizioni cliniche". "Le autorità italiane - commenta il commissario Sar, Albert Mayordomo - ci hanno assegnato il porto di Livorno per lo sbarco, a 4 giorni e quasi 670 miglia nautiche di distanza dal luogo in cui è avvenuto il salvataggio. L’assegnazione di porti lontani non rispetta il diritto internazionale e posticipa senza motivo l’assistenza di cui hanno bisogno le persone soccorse”.

Migranti a Livorno, dalle violenze alla rinascita: "Picchiati di notte senza motivo, siamo stati in acqua più di 30 ore"

Salvetti: "Pronti ad accoglierli"

"La notizia mi è stata comunicata alcune ore fa dal Prefetto di Livorno – le parole del sindaco di Livorno, Luca Salvetti – noi naturalmente ci mettiamo subito in moto con tutti i settori comunali che già nel mese di dicembre hanno gestito con efficienza e con cuore  l'accoglienza di due navi di migranti, le Ong Sea Eye 4 e  Emergency Life Support, ovvero il Gabinetto del Sindaco, la Protezione Civile, il Sociale con gli assistenti sociali. Naturalmente il nostro impegno è coordinato dalla Prefettura e dalla Regione Toscana. Daremo il massimo impegno ma nello stesso tempo esprimiamo perplessità e ci fa riflettere quello che dice il medico di bordo, ovvero che la nave di Emergency impiegherà 4 giorni e quasi 670 miglia nautiche per arrivare a Livorno. Si valutino bene le condizioni  di salute delle persone che sono a bordo e che molto probabilmente dovrebbero sbarcare prima per ricevere le cure necessarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti salvati in mare dalla Life Support, la nave Emergency assegnata al porto di Livorno: "Troppo lontano". Video

LivornoToday è in caricamento