Cultura Montenero

Carnevale, l'inizio della festa è legato a un voto

A Livorno, e solo a Livorno, si possono iniziare i festeggiamenti di Carnevale solo dopo il 28 gennaio. Il motivo è legato ad un antico voto alla Madonna di Montenero.

Quella tra i livornesi e la Madonna di Montenero è una vera e propria storia d'amore che dura dal 15 maggio del 1345 giorno in cui un pastore storpio, così narra la leggenda, trovò sulla foce del Rio Ardenza un'effigie mariana. La portò sul Montenero e lì ottenne la guarigione. Da allora il Santuario è un punto di riferimento per i credenti di tutto il mondo ma per i livornesi, credenti o meno, è qualcosa di più, è un punto di riferimento, uno sguardo puntato addosso che consola e protegge.
Tante sono le credenze legate alla Madonna di Montenero e una riguarda il Canevale che, tradizionalmente, a Livorno e solo a Livorno non può cominciare prima del 28 gennaio, qualunque cosa dica il calendario ufficiale. La spiegazione è presto trovata. E' il 27 gennaio 1742 quando la città viene letteralmente flagellata da un forte maremoto, il popolo trema, scappa dove può, cerca vie di fuga e poi, come è solito fare, volge lo sguardo a Montenero. I livornesi, devoti e non, organizzano una processione e portano il quadro della Madonna in Cattedrale.
E qui avviene il miracolo, comincia la preghiera e cessa il maremoto. In segno di ringraziamento per la protezione ricevuta i cittadini fecero il voto solenne "d'astenersi dal far maschere, balli, sì pubblici che privati, e da qualunque sorta di carnevalesco divertimento, né ad alcuno di quelli intervenire". Da allora è tradizione offrire ogni anno alla Vergine il cero votivo che alimenta la fiamma della lampada del Santuario di Montenero e, ancora oggi, ogni 27 gennaio si ringrazia la Madonna in Cattedrale e si pone una corona di fiori ad un'altezza di 14 metri, laddove si dice che siano arrivate le onde. E dal 28 gennaio può iniziare il Carnevale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevale, l'inizio della festa è legato a un voto

LivornoToday è in caricamento