Sanremo, Motta e Nada vincono il premio per il miglior duetto

I due artisti livornesi si aggiudicano il rinonoscimento interpretando il brano "Dov'è l'Italia"

Il Festival di Sanremo 2019 si avvia verso la finale e, al termine della quarta serata, è stato assegnato il primo premio dalla giuria d'onore presieduta da Mauro Pagani. Ad aggiudicarsi il riconoscimento per il miglior duetto Motta e Nada per l'interpretazione del brano "Dov'è l'Italia". Il brano, interamente scritto dal cantautore toscano, parla di amore e politica, sfiorando il tema sempre dell'immigrazione e dell'accoglienza. Una visione, quella di Motta, che ha conquistato la Giuria d'Onore - composta dal presidente Mauro Pagani e dai giurati Ferzan Özpetek, Camila Raznovich, Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Joe Bastianich – ancor più nella versione impreziosita dalla voce di Nada, il "pulcino del Gabbro", prima artista toscana a vincere un festival di Sanremo nel 1971 con "Il cuore è uno zingaro".

Il pubblico in sala non si dimostra del tutto d'accordo e non accoglie i cantanti con la standing ovation che avrebbero meritato. Il presidente della regione Liguria Giovanni Toti consegna il premio, il pubblico regala fischi e la coppia, raffinata e graffiante, porta il premio a Livorno. E a Pisa. Abbattendo, almeno musicalmente, ogni sorta di campanilismo.

IL TESTO DI DOV'È L'ITALIA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché nascosto sono stato quasi sempre
Tra chi vince e chi perde
A carte scoperte
Mentre qualcuno mi guarda
E qualcun altro mi consuma
Per ogni vita immaginata
C'è la mia vita che sfuma
E in un secondo penso a chi mi è stato accanto
In un pensiero lontano
Ma nello stesso momento
Tu su un tappeto volante
Tra chi vince e chi perde
E chi non se la sente
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso anch'io
Come quella volta a due passi dal mare
Fra chi pregava la luna
E sognava di ripartire
L'abbiamo vista arrivare
Con l'aria stravolta di chi non ricorda cos'era l'amore
E non sa dove andare
Da quella volta nessuno l'ha più vista
Da quella volta nessuno l'ha più vista
E in un momento penso a te che mi stai accanto
In quella notte d'estate
Che mi hai insegnato a ballare
E mi immagino lei
Fra le stelle ed il sole
Sul tappeto volante
Tra chi vince e chi perde
E chi non se la sente
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso anch'io
Mi sono perso anch'io
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso
Dov'è l'Italia amore mio?
Mi sono perso




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stabilimenti balneari, le tariffe 2020: quanto costa l'estate "sui bagni" tra abbonamenti, ombrelloni, lettini e cabine

  • Fase 2 Toscana: le linee guida stabilimenti balneari, campeggi, parchi di divertimento e ristoranti. L'ordinanza della Regione

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Bagni Pancaldi, la protesta dei clienti: "Ricattati di perdere il posto in caso di mancato rinnovo"

  • Pronto Soccorso, accessi per storte e "troppo sole". Medici stremati: "Non siamo più i vostri eroi?"

  • Bagni Fiume, apertura il 20 giugno con ingressi giornalieri: "I vecchi abbonati possono riconfermare cabina e ombrellone per il 2021"

Torna su
LivornoToday è in caricamento