Skullbreaker Challenge, è allarme anche tra le famiglie livornesi. La polizia: "Segnalate i video alle autorità"

Sta dilagando a macchia d'olio il pericoloso gioco partito da Tik Tok. Con uno sgambetto inaspettato si rischiano danni seri alla testa e alla schiena

Lanciata sui social, principalmente su Tik Tok, sta predendo piede tra i giovanissimi una nuova e pericolosa sfida: la Skullbreaker Challenge. Letteralmente significa "spaccatesta" e consiste nel coinvolgere un amico ignaro in un salto sul posto a cui segue uno sgambetto che farà crollare a terra la vittima in maniera violenta. Il tutto viene filmato da un terzo complice con il telefonino e messo immediatamente in rete. I rischi, però, sono altissimi e oltre alle lesioni agli arti, alla testa e alla colonna vertebrale c'è anche quello di una denuncia per lesioni alle autorità competenti.

Allarme tra i genitori, via chat migliaia di segnalazioni

Questa nuova pratica, come già accaduto in passato per la Blue Whale - gioco mortale in cui però i partecipanti erano quanto meno consenzienti - ha messo in allarme molti genitori in tutto il mondo, preoccupati per le possibili conseguenze  sui loro figli. E alla stessa maniera anche a Livorno, negli ultimi giorni, soprattutto nelle le chat di gruppo scolastiche dei genitori girano video con immagini drammatiche di questa nuova tendenza. Immagini ovviamente arrivate anche alla Polizia di Stato che ha subito messo in allerta le famiglie italiane.

Skullbreaker Challenge, preoccupazione anche tra le famiglie livornesi 

Il video di tre giovanissimi coinvolti nella sfida sta girando in queste ore anche tra le famiglie degli studenti livornesi. Pur non trattandosi di ragazzi della nostra città l'attenzione tra i genitori resta comunque alta. "Ti preghiamo di condividere con i tuoi figli e tutti i genitori che conosci...questo è ora di tendenza nelle scuole", si legge in un messaggio che sta facendo velocemente il giro delle chat. E intanto la Croce Rossa ha deciso di usare proprio Tik Tok, il social da cui è partito il gioco, per spiegare attraverso un video i rischi che si corrono.

(video da ACBS - Associazione contro il bullismo scolastico)

Il messaggio della Polizia di Stato: non è un gioco, i rischi sono altissimi

Attraverso un messaggio, comparso nelle scorse ore sulla pagina facebook ufficiale, la Polizia di Stato raccomanda estrema attenzione e mette in guardia le famiglie riguardo i numerosi rischi. "È importante parlarne in famiglia, segnalando i potenziali rischi, anche penali, e facendo comprendere ai più giovani la gravità dell'emulazione e dell'accettazione di sfide che di divertente non hanno nulla - si legge nel post -. Se i vostri figli ricevono da coetanei video riguardanti la sfida segnalateli al portale della Polizia Postale"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saturimetro, come funziona e quali sono i migliori modelli

  • Caos Livorno, società latitante: dei soldi nessuna traccia e i giocatori se ne vanno

  • Coronavirus: 169 positivi tra Livorno e provincia, 2.508 in Toscana, ma crolla la percentuale rispetto ai tamponi. Il bollettino di mercoledì 18 novembre

  • Livorno, il presidente Heller: "Pagamenti in regola grazie a Carrano ed Aimo. Navarra, Ferretti e Spinelli? Non pervenuti"

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 174 positivi e 5 morti tra Livorno e provincia, 1.892 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di sabato 21 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento