Teatro, al Grattacielo va in scena "Ad esempio questo cielo"

Il fine settimana del Centro Artistico Il Grattacielo comincia venerdì 22 novembre alle 20.30 con "Quattro chiacchiere sull'arte contemporanea - Stati Uniti" con l'architetto Matteo Massarelli, ricercatore in Pianificazione urbana, territoriale e ambientale presso l'Università di Firenze.
Negli anni Sessanta del Novecento, a partire dagli Stati Uniti, si affermano nuove espressioni artistiche che non possono chiudersi in gallerie e musei ma vanno a incidere sul paesaggio reale. Si parla allora di Land Art. Di Environmental Art. Di opere a volte vandaliche verso il paesaggio urbano, rurale o selvaggio. O di opere che documentano un approccio delicatissimo alla natura, destinate a sparire dopo breve tempo. Tutte opere accomunate da una forte rottura con l'arte da appendere, dall'arte monetizzabile, suggerendo sempre una riflessione su rapporto uomo - ambiente e sui possibili destini del pianeta.

Alle 21.15 la serata continua con lo spettacolo "Ad esempio questo cielo" della Compagnia Dimitri Canessa.
Uno spettacolo che spinge la ricerca della compagnia Dimitri/Canessa verso un altrove poetico, in una sorta di riconciliazione con quel "mondo contemporaneo" che era stato oggetto di sbeffeggiamento nella precedente produzione: "Hallo! I'm Jacket!" il gioco del nulla. 
"Vorrei avere ancora un po' di tempo. Non cinque anni, e nemmeno tre, non potrei sperare così tanto — ma se avessi anche solo un anno. Se sapessi di avere un anno". Da questo nucleo e dalla domanda iniziale prende spunto "Ad esempio questo cielo". Sulla scena due attori. Due aste con microfoni ai lati, due uomini in scena a dare vita alle parole di Carver rendendo manifesto il suo canto all'esistenza, al mondo, all'umano. È una corsa e un inseguirsi intorno a questo nucleo tematico rappresentato dalla piattaforma, dal suo turbinare come ruota intorno al perno. E la forza centrifuga è tutto ciò che ci strappa con forza dalla vita: "Hai avuto tutto quello che volevi, dalla vita, nonostante tutto? Sì. E cosa volevi? Potermi dire amato. Sentirmi amato sulla terra". (R. Carver, Ultimo Frammento).

Regia: Elisa Canessa
con: Federico Dimitri e Andrea Noce Noseda
costumi: Joachim Steiner-Oberndörfer
disegno luci: Marco Oliani
produzione: Compagnia Dimitri/Canessa e Theaterwerkstatt Gleis 5 (CH), con il sostegno di fondazione culturale del Canton Turgovia, dipartimento culturale città di Frauenfeld e Kulturpool Regio Frauenfeld (CH) 

 PER INFO E PREVENDITA
biglietti disponibili presso la segreteria del Centro Artistico Il Grattacielo di via del Platano 6, aperta tutti i giorni dalle 17 alle 19 o sul sito https://livornoteatro.it o segreteria@centroartisticoilgrattacielo.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Racconti di altre danze", torna a Livorno il festival dedicato alla danza contemporanea

    • dal 10 ottobre al 1 dicembre 2020
    • varie

I più visti

  • Escursioni, le passeggiate più belle alla scoperte delle isole dell'Arcipelago con il Walking Festival d'autunno

    • dal 1 ottobre al 1 novembre 2020
    • Isole dell'arcipelago
  • Arte, Livorno celebra Voltolino Fontani con una mostra alla BCC di Castagneto Carducci

    • Gratis
    • dal 3 al 31 ottobre 2020
    • Banca di credito cooperativo di castagneto carducci
  • "Racconti di altre danze", torna a Livorno il festival dedicato alla danza contemporanea

    • dal 10 ottobre al 1 dicembre 2020
    • varie
  • Alla Bodeguita Livornese ci sono gli Streetlovers live

    • solo oggi
    • Gratis
    • 17 ottobre 2020
    • La Bodeguita Livornese
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LivornoToday è in caricamento