Venerdì, 17 Settembre 2021
Partner

Il settore Automotive punta sempre di più sulle auto ibride

Alte performance e poche emissioni: l’ascesa della versione Mild Hybrid

Negli ultimi anni la questione ambientale e la conseguente ricerca di nuovi modelli più sostenibili hanno contribuito a ristabilire le priorità, o a cambiare gli obiettivi, di molti brand e settori produttivi. Tra questi non fa eccezione l’Automotive. 

Grazie alle politiche recenti di diversi Stati europei – tra cui l’Italia – l’industria automobilistica ha beneficiato di veri e propri incentivi, virando sempre di più verso la produzione di macchine “elettrificate”. Ovvero quelle vetture in cui sistemi a propulsione elettrica affiancano (se non sostituiscono) i modelli tradizionali.

Soprattutto nel 2020 c’è stata una netta crescita nella vendita di macchine elettriche (anche se al momento costituiscono solo una piccola quota), ibridePlug-in Hybrid e Mild Hybrid.

Possiamo senz’altro affermare che il modello ibrido domini ormai il mercato, la cui domanda di immatricolazione è aumentata addirittura dell’89%.

In questa categoria, per fornire ancora qualche dato, le vendite di auto Mild Hybrid, hanno registrato un +51% rispetto al 2019, di fatto ‘causando’ una vera e propria contrazione nell’acquisto di auto a benzina o a diesel pure. A oggi l’Italia è la seconda nazione europea, appena dietro alla Germania, per la vendita di auto ibride.

Le auto ibride sono tutte uguali?

Sul mondo delle auto ibride, però, c’è parecchia confusione. Un recente report degli Eletric Days, infati, ha messo in luce come più della metà degli intervistati non sia a conoscenza, oppure ne abbia una parziale, della differenza fra Mild Hybrid, ibrida e ibrida Plug-in.

Quali sono, quindi, le differenze tra questi modelli? Iniziamo col dire che quello che più si avvicina all’auto elettrica vera e propria è il Plug-in Hybrid, la cui peculiarità rispetto agli altri veicoli ibridi consiste in una batteria più potente. Il motore elettrico può raggiungere un’autonomia di 60 km; non solo, attraverso la corrente delle colonnine esterne, o addirittura attraverso quella di casa, la carica della batteria può arrivare al 100%.

L’unico modello, invece, che può dirsi pienamente ibrido – letteralmente “a propulsione ibrida” – è quello Full Hybrid. Qui l’auto può utilizzare per brevi tratti il solo motore elettrico. Questa tipologia si adatta bene alla città, dove sono frequenti gli stop e le ripartenze, per cui il suo utilizzo ha un consistente beneficio in termini di emissioni e consumi.

Un sistema pienamente ibrido non ‘rende’, però, sulle distanze più lunghe, perché il motore elettrico fa fatica e la performance viene conseguentemente ridimensionata.

Il successo del modello Mild Hybrid

Tra i modelli che più stanno avendo successo in termini commerciali c’è il Mild Hybrid, detto anche “ibrido leggero”, nel quale il motore elettrico non può, da solo, trainare il veicolo.

Nonostante ciò la forbice dei consumi e delle emissioni subisce una notevole riduzione (è stimata tra il 10 e il 15%), ma soprattutto, le performance – se paragonate a quelle degli altri due modelli ibridi – sono nettamente migliori. Il motore elettrico si attiva nelle basse velocità e nelle fermate, rendendo di fatto più performante anche il sistema di start and stop.

Le auto Mild hybrd sono infatti basate su un motore-generatore in grado di ‘recuperare’ energia. Lo fanno, per esempio in fase di decelerazione: qui il motore elettrico ‘cattura’ l’energia delle ruote, trasformandola in corrente per la batteria. 

Comprare un’auto Mild Hybrid, quindi conviene? Uno dei vantaggi più evidenti di queste auto – tolta la riduzione dei consumi e delle emissioni – è proprio la capacità di riuscire a sfruttare le diverse fasi per recuperare potenza. 

Kia rilancia la nuova Sportage Mild Hybrid in un’edizione limitata

Tra le case automobilistiche che più hanno puntato su questo sistema spicca la Kia. L’azienda coreana, per celebrare le vendite in Italia dal 1994 di Kia Sportage (circa 160mila unità) ha da poco ‘rilanciato’ il suo modello top class in un’edizione limitata di 150 esemplari

Si tratta della nuova Kia Sportage Mild Hybrid Black edition, la quale grazie all’accoppiata tra il sistema EcoDynamics e lo starter Mild Hybrid, infatti, immagazzina, durante la fase di decelerazione e di frenata, l’energia prodotta nella fase di accelerazione, riducendo di fatto le emissioni di CO2.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova Kia Sportage, dal colore bianco perlato e con verniciatura deluxe white, è basata sull’allestimento Business class integrato con nuove opzioni. A partire dalle maniglie in satin chrome, passando per i sedili con supporto lombare, fino al nuovo navigatore touch screen da 8’’ con UVO Connect e al climatizzatore automatico.

Oltre alle novità in fatto di design, che mescola uno stile propriamente sportivo tanto all’esterno quanto all’interno (uno spazio che può rimodularsi se è necessario aumentare la capienza del porta bagagli), la nuova Kia sportage Mild Hybdrid è un’auto agile e facilmente manovrabile anche su strade non asfaltate. 

A Livorno si può prenotare un test drive in concessionaria

La tecnologia è un altro pezzo forte. Specialmente in fatto di sicurezza, la Black Edition, mantiene il Sistema di assistenza alla frenata di emergenza, riuscendo a riconoscere eventuali pedoni, o altre auto sulla carreggiata; il Sistema LKA corregge il superamento della carreggiata; il Sistema DAW si ‘accorge’ e segnala l’eventuale stanchezza di chi è alla guida.

Capire la differenza tra i modelli di auto elettrificate può non essere semplice. Ma la curiosità, soprattutto per il mondo delle ibride, sta crescendo sempre di più. Una buona soluzione può essere quella di provare, mettendosi direttamente alla guida. A questo proposito la Concessionaria SCARdi via Ugione 29 a Livorno, offre la possibilità agli appassionati, o a chi è curioso di scoprire il settore delle auto Mild Hybrid, di prenotare direttamente un test drive: un’occasione unica per testare tutte le potenzialità della nuova Kia Sportage Mild Hybrid Black Edition. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito o la pagina Facebook.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il settore Automotive punta sempre di più sulle auto ibride

LivornoToday è in caricamento