Elezioni Comunali 2024 Livorno

Elezioni comunali Livorno 2024, il profilo dei candidati sindaco: Alessandro Guarducci

Ex caporedattore centrale del Tirreno, ecco chi è il 64enne candidato sindaco del centrodestra

Sabato 8 e domenica 9 giugno i cittadini di Livorno tornano al voto per eleggere il nuovo sindaco: si voterà dalle 15 alle 23 di sabato 8 giugno e dalle 7 alle 23 di domenica 9 giugno. Lo spoglio e lo scrutinio per le elezioni amministrative si svolgeranno a partire dalle 14 di lunedì 10 giugno. Stavolta a sfidarsi per entrare dalla porta principale di palazzo civico saranno sei candidati a sindaco, quattro uomini e due donne, tra cui Alessandro Guarducci Di seguito la scheda quale contributo richiesto e inviato alla redazione di LivornoToday.

Alessandro Guarducci, candidato sindaco alle elezioni comunali Livorno 2024: la scheda 

Nome: Alessandro
Cognome: Guarducci
Luogo e data di nascita: Prato, 17.04.1960
Liste collegateForza ItaliaLegaFratelli d'ItaliaGuarducci sindaco

Il curriculum
Giornalista professionista dal 1997, Guarducci ha iniziato a collaborare dal 1981 con alcune radio locali curando rubriche di informazione sportiva. A metà degli anni '80 è diventato collaboratore del Corriere dello Sport/Stadio mentre la prima chiamata al Tirreno è arrivata nel 1989 e due anni dopo è stato assunto nella redazione di Prato. Nel 1998 è stato trasferito a Livorno dove si è occupato inizialmente di cronaca nera e giudiziaria. Nel 2006 è diventato vice responsabile della cronaca di Livorno e nel giugno 2014 capocronista. Nel 2019 Guarducci ha assunto la guida della cronaca di Cecina e di Rosignano e nel 2021 è diventato anche responsabile della redazione di Piombino-Isola d'Elba. Nel gennaio 2022 infine è stato nominato caporedattore centrale, qualifica che ha mantenuto fino al pensionamento. 

Cosa dice di sé
Nato nel 1960 a Prato ma livornese d’adozione, provengo da una famiglia della classe operaia di cui rivendico fortemente i diritti e la dignità. Madre commerciante e padre operaio in una fonderia, hanno da sempre trasmesso a me e ai miei fratelli il senso del dovere e del rispetto delle regole ma anche l’importanza di impegnarsi per crescere a raggiungere i propri obiettivi. Ai miei genitori va il ringraziamento per essersi fatti carico, con grandi sacrifici,  di offrire ai figli un futuro migliore.

Per questo dopo le superiori decido di iscrivermi a giurisprudenza. Arrivato ad un passo dalla fine del mio percorso universitario, ricevo un’offerta che non posso rifiutare: collaborare come corrispondente per il Corriere dello Sport. Questo lavoro metteva insieme le mie grandi passioni di una vita, lo sport ed il giornalismo. Dopo alcuni mesi in cui provo a fare entrambe le cose, vengo risucchiato completamente dal mondo della carta stampata che nel 1998 mi porta a Livorno.

È stato amore a prima vista e da subito ho capito che non avrei potuto vivere altrove. Livorno mi ha dato l’amore, la famiglia  ed una carriera professionale di grandissima soddisfazione ed è qui che ho deciso di crescere le mie due figlie e di vivere.  Oggi, a 64 anni e dopo un percorso lavorativo che mi ha permesso di conoscere il tessuto locale in tutte le sue sfumature mi è risultata chiara la necessità di mettermi in gioco per la nostra città e per dare il mio contributo a migliorare quello che non va. È il momento giusto per entrare in campo e candidarmi. Essere  fuori dalle dinamiche politiche che per anni hanno penalizzato questa terra mi permette di avere il giusto distacco e la visione che serve per un deciso cambio di passo.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali Livorno 2024, il profilo dei candidati sindaco: Alessandro Guarducci
LivornoToday è in caricamento