rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Elezioni Comunali 2024 Livorno

Elezioni comunali Livorno 2024, Barale al veleno: "Una città stagnante con un'ipocrisia che mi fa vomitare"

La candidata sindaco commenta la sconfitta: "Non mi congratulo con Salvetti per la sua riconferma, perché non ho niente da festeggiare e niente da riconoscergli"

Elezioni comunali Livorno 2024, risultati definitivi

"Non mi congratulo con il sindaco uscente per la sua riconferma, perché non ho niente da festeggiare e niente da riconoscergli". Non usa giri di parole Valentina Barale (candidata sindaco di Primo Polo) per commentare il risultato delle elezioni comunali che hanno visto la vittoria di Luca Salvetti al primo turno. La sua coalizione è stata la terza in ordine di preferenze fermandosi al 18,32%, un risultato al di sotto delle aspettative per una forza politica che puntava decisa ad arrivare quantomeno al ballottaggio. Adesso per Barale è il tempo dei ringraziamenti e dell'addio visto che, nonostante le spetti, non siederà in consiglio comunale: "Ieri mi avete invaso di messaggi e abbracci, consolandomi per la sconfitta e ringraziandomi per averci provato. Ma non ho bisogno di consolazione e non mi sento affatto sconfitta, anzi. Ho portato avanti una campagna elettorale schietta e limpida,  non ho avuto bisogno di minacciare i candidati altrui, e nemmeno i sostenitori di altre liste. E non ho avuto bisogno di far girare in chat sotterranee notizie false sui miei avversari, usando persino le email comunali".

Elezioni comunali 2024, i sindaci eletti in provincia di Livorno

"E mi sono circondata di chi ha avuto il coraggio di affrontare a viso aperto - a differenza di tanti che sono rimasti nell'ombra a criticare - un sistema di politica e affari che da anni spolpa la città, lasciando le briciole a chi ne è fuori. Ecco io ne sono fuori e lì resterò, orgogliosamente. Tutto ciò che abbiamo ottenuto è stato costruito con le nostre forze, pochi euro di autofinanziamento, tanti km in giro per la città, il sostegno di tanti  che non avevano niente da guadagnare da una mia vittoria. Una città scontenta, impoverita e stagnante.
Molti non la vedono o fanno finta di non vederla, in un'ipocrisia che mi fa vomitare. Per questo e per tanti altri motivi non mi congratulo con il sindaco uscente per la sua riconferma, perché non ho niente da festeggiare e niente da riconoscergli". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali Livorno 2024, Barale al veleno: "Una città stagnante con un'ipocrisia che mi fa vomitare"

LivornoToday è in caricamento