Lite Perini-Bottai, Potere al Popolo: "La presunta aggressione? Un teatrino creato ad arte"

Il partito attacca duramente il Carroccio definendo quanto accaduto una "ridicola buffonata"

"Quanto successo tra il consigliere Perini e Bottai non è altro che una ridicola buffonata creata ad arte da un partito che, senza tutto questo, sarebbe a corto di argomenti". Non usa troppi giri di parole Potere al Popolo Livorno per esprimere il proprio parere sulla lite tra l'esponente della Lega e il segretario provinciale del Partito Comunista. Non solo, il partito definisce Perini un "provocatore" e non crede alla sua versione in quanto "se un pugile professionista avesse aggredito una persona, l'esito del referto medico sarebbe stato decisamente diverso". 

Lite con Bottai, Perini: "Ho denunciato i miei aggressori"

Potere al Popolo: "La destra semina odio e intolleranza quotidianamente"

L'attacco di Potere al Popolo alla Lega inizia proprio dal clima di odio che, secondo il partito, il Carroccio starebbe seminando in giro per la città: "Da questa vicenda non possiamo esimerci dal commentare come a Livorno la destra, evidentemente a corto di consenso rispetto ad altre zone della Toscana, stia cercando di alzare la tensione per avere visibilità. Dai gazebo che distribuivano lo spray al peperoncino, siamo passati al volantinaggio nelle scuole con messaggi provocatori su Facebook. Dalla ricostruzione di Bottai si apprende che i leghisti hanno a disposizione anche picchiatori pronti ad intervenire qualora si creino situazioni di tensione in città. Una destra che semina odio e intolleranza quotidianamente, che utilizza provocazioni e offese continue sui più deboli, ma che nel momento in cui riceve una difesa dallo stesso odio che va seminando, si mette a sbraitare e piangere". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Condanniamo l'atteggiamento provocatorio di Perini e degli scagnozzi al suo seguito"

Il partito poi chiama in causa direttamente il consigliere Perini: "Condanniamo con fermezza il suo continuo atteggiamento provocatorio e quello degli scagnozzi al suo seguito. Livorno non perderà mai il suo valore dell'antifascismo". In merito a quanto accaduto, Potere al Popolo ha le idee chiare: "Non eravamo presenti, né abbiamo chiesto informazioni alle persone interessate nella vicenda. Ci limitiamo a commentare i fatti: se un pugile professionista veramente avesse aggredito una persona, l’esito e il referto medico non sarebbero stati certo quello che ha pubblicato il consigliere leghista, la cui versione è stata inoltre modificata più volte e non ci pare così attendibile". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus, due morti e 10 nuovi casi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 22 marzo

  • Coronavirus: un morto e 10 nuovi casi positivi tra Livorno e provincia, 184 in Toscana. Il bollettino di lunedì 23 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento