rotate-mobile
Politica

Nuovo ospedale, cambia il progetto. Buongiorno Livorno e Lega: "Si tenga conto del Coronavirus e se ne discuta in aula"

Il nuovo nosocomio dovrebbe nascere all'interno del Parco Pertini, tra via della Meridiana e viale Carducci, e prevede il riuso dell'area delle ex scuole e dei magazzini della ex Pirelli, senza dismettere i padiglioni storici e le strutture antecedenti al 1935

Fa discutere la possibilità di rivedere il piano originario dell'ospedale cittadino, firmato lo scorso 12 dicembre da Regione Toscana, Comune di Livorno e Asl. Secondo una nuova ipotesi, infatti, il nosocomio dovrebbe nascere all'interno del Parco Pertini, tra via della Meridiana e viale Carducci, e prevede il riuso dell'area delle ex scuole e dei magazzini della ex Pirelli. Una scelta dettata dalla necessità di non allestire nell'immediato un cantiere all'interno di un ospedale attivo e in piena gestione Coronavirus, dal dimezzamento dei tempi di realizzazione e dalla possibilità di utilizzare minori risorse economiche recuperando vecchi padiglioni. L'ipotesi di rimettere mano al progetto, però, ha sollecitato la reazione delle opposizioni che hanno espresso non poche perplessità. 

bruciati barale modigliani-2

Buongiorno Livorno: "Il nuovo progetto deve tenere conto dei cambiamenti causati dal Coronavirus"

"Si apprende dalla stampa che è stato presentato ai primari dell'ospedale di Livorno un progetto per il nuovo presidio ospedaliero alternativo a quello sottoscritto lo scorso 12 dicembre. Pur senza entrare adesso e qui nel merito dobbiamo tenere le antenne belle dritte e accese - fanno sapere da Buongiorno Livorno - . Questa pandemia cambierà anche la sanità, questo è chiaro, quindi il nuovo progetto dovrà necessariamente comprendere, in termini di prevenzione e cura, anche le 'novità' legate agli effetti di quanto visto in questi mesi: a cominciare dai posti letto per terapie intensive, ma non solo. Ci chiediamo ad esempio se un progetto di struttura ospedaliera in monoblocco potrà rispondere a esigenze di segregazione tra reparti in caso di epidemie. Ora, a parte le ragioni legate alle tempistiche crediamo che serva una discussione e una progettazione trasparente, condivisa e soprattutto partecipata: ora più che mai. Gli obblighi di quarantena e contenimento sociale non sono né possono essere una scusa per accelerare un percorso con modalità riservate e escludenti. Ancora una volta ricordiamo che c'è un percorso partecipativo, richiesto da Buongiorno Livorno e poi approvato anche dalla maggioranza consiliare, che attende da fine estate di essere intrapreso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo ospedale, cambia il progetto. Buongiorno Livorno e Lega: "Si tenga conto del Coronavirus e se ne discuta in aula"

LivornoToday è in caricamento