Lite Perini-Bottai, il Partito comunista italiano: "Preoccupati dal decadimento politico del Paese"

L'analisi del segretario provinciale Luigi Moggia: "Occorre dire basta alla provocazioni in piazza e sui social network"

"Siamo preoccupanti per il decadimento del dibattito e confronto politico che sta avvenendo nel nostro Paese e della nuova stagione di provocazioni tese a colpire l'azione antidemocratica". Parole dure da parte del segretario provinciale del Partito comunista italiano Luigi Moggia alla luce anche di quanto avvenuto il 31 dicembre con il reciproco scambio di pesanti accuse tra Alessandro Perini (Lega) e Lenny Bottai (PC). Il Pci chiede di fermare questo clima di tensione, fatto di provocazioni nelle piazze e sui social, e di lasciare spazio al sano dibattito politico così comme avveniva negli anni passati. 

Il Partito comunista italiano: "Preoccupati per il decadimento politico del Paese"

Per il segretario Moggia, il clima che si è venuto a creare è figlio di decisioni politiche sbagliate e di atteggiamenti deliberatamente provocatori: "Stiamo assistendo a una negazione della riflessione democratica culturale adeguata, e stiamo scadendo nell'offesa puerile, nella provocazione e nella denigrazione dell'avversario. Serve invece un confronto limpido, al bisogno aspro ma responsabile. Serve parlare il linguaggio dei problemi offrendo giudizi seri, intercettando il sentire popolare o la politica si riduce ad ammiccamento e a dibattito incomprensibili. Questi atteggiamenti, questa impostazione culturale, trova ispirazione in un passato che credevamo superati, e che invece oggi ritrovano asilo nel dibattito e nella politica Italiana, soprattutto sui social network che ne diventano motore e acceleratore. Su queste piattaforme, tali recrudescenze mai sopite trovano dimora, dove la realtà storica e gli accadimenti oggettivi vengono distorti e piegati ad un tornaconto politico immediato e talvolta piccino piccino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Occorre tornare al confronto politico vero e proprio. Stop alle provocazioni politiche nelle piazza"

Moggia, inoltre, prova a suggerire quella che dovrebbe essere la strada da seguire: "Il compito dei comunisti oggi è anche quello di far fronte contro tali recrudescenze e arginarle, ristabilendo il primato della realtà, la valutazione delle contraddizioni sociali, la costruzione di una prospettiva di cambiamento. Siamo preoccupati per un nuovo ed aggiornato clima di anticomunismo, di decadimento e rifiuto del confronto. Questo è il clima ed il taglio caratterizzanti lo stesso episodio che ha visto recentemente coinvolti esponenti del PC cittadino tra cui Lenny Bottai, e rappresentanti della Lega a Livorno. In tal senso è necessario alzare il livello della responsabilità politica, della mobilitazione e vigilanza democratica.  Occorre dire basta alle provocazioni politiche e di piazza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Andrea Matteucci, arrestata la giovane alla guida dell'auto. La Municipale: "Accusata di omicidio stradale, positiva all'alcool test"

  • Rosignano, scontro tra camion e auto sulla SR 206: due feriti

  • Dramma a Collesalvetti: gravissima 30enne investita dal fratello dopo una lite, l'uomo inseguito e arrestato per tentato omicidio

  • Funerale Andrea Matteucci, San Jacopo gremita per l'ultimo abbraccio a "Gas"

  • Campiglia Marittima, uccide un gatto e lo cucina davanti alla stazione: il video virale indigna la rete, denunciato 21enne

  • Via Pieroni, non paga il conto al ristorante e tenta la fuga: denunciato 57enne

Torna su
LivornoToday è in caricamento