Il Partito Comunista ricorda Barontini, Leonardi e Frangioni: "Antifascisti che lottarono per cambiare l'Italia"

Alla cerimonia erano presenti i familiari dei tre storici dirigenti comunisti. E al Museo della Città inoltre è stato donato lo storico spadino che Barontini ricevette dal re dell'Etiopia

I ragazzi del Fronte della Gioventù comunista

Il Partito Comunista livornese, nel pomeriggio di mercoledì 22 gennaio, ha voluto ricordare, a distanza di 69 anni dalla loro morte, le figure di Ilio Barontini, Leonardo Leonardi e Otello Frangioni, antifascisti e dirigenti del PCI che morirono in un incidente stradale di ritorno da un comizio politico. La cerimonia si è svolta davanti alla loro lapide al cimitero dei Lupi, alla presenza dei familiari

partito comunista commemorazione barontini-2-2

Bottai ricorda i tre dirigenti: "Antifascisti che combatterono per provare a cambiare l'Italia"

Il segretario provinciale del Partito, Lenny Bottai, ha reso omaggio alle tre figure storiche: "Siamo venuti qui per tenere viva la memoria di tre personaggi giganteschi che sono stati prima di tutto comunisti, antifascisti, padri costituenti e, uno di loro (Barontini, ndr) anche senatore. Tutti stavano lottando non solo per liberare l'Italia dal fascismo, ma per farne un Paese socialista con alla base una società più giusta ed adeguata. Noi oggi vogliamo ricordare, a distanza di 69 anni, la loro memoria". 

Alla cerimonia, tra i familiari, era presente anche Roberto Leonardi, figlio di Leonardo: "Queste persone hanno combattuto per modificare una società che, purtroppo, ad oggi ha altre aspirazioni. Vedere qui tutte queste persone mi emoziona tantissimo". 

Consegnato al Museo della Città lo spadino ricevuto da Barontini dal re dell'Etiopia

Oltre al ricordo per l'anniversario della sua morte, ieri, martedì 21 gennaio, c'è stato un altro evento in onore di Ilio Barontini. Il comitato della Coppa Barontini infatti ha voluto donare al Museo della Città lo spadino che il comandante comunista ricevette dal re etiope Negus Hailé Selassié per la sua missione in difesa delle colonie africane dal fascismo.

consegna spadino ilio dario barontini (2)-2

"Questo spadino non è un semplice oggetto storico – ha commentato Claudio Ritorni, presidente dell'associazione  –. Racchiude in sé i valori dell'antifascismo e della democrazia, che sono stati tramandati a tutti noi dal grande Ilio. Le sue lotte saranno ricordate in una serie di iniziative che, a partire dalla giornata di oggi, accompagneranno i livornesi fino alla tanto attesa gara della Coppa Barontini". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pesca sportiva, due livornesi fermati con 48 chili di orate: multa di 8mila euro, il pesce regalato alla Caritas

  • Rosignano Solvay, esplosione in una palazzina: grave una donna

  • Tragedia a Piombino, muore a 48 anni davanti alla compagna mentre fa trekking

  • Parco del Mulino, conti in rosso e rischio chiusura. L'appello: "Prenotate una pizza da noi per tenere in vita il progetto"

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Toscana zona rossa, l'ordinanza di Giani: nuove misure anti Covid per spostamenti ed attività

Torna su
LivornoToday è in caricamento