menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, la denuncia della Cgil: "In cinquanta tra docenti e personale Covid attendono ancora il primo stipendio"

La segretaria generale Licia Mataresi: "Sono state fatte centinaia di assunzioni, ma poi sono mancati i fondi"

"Sono almeno una cinquantina i lavoratori tra docenti e personale Ata ("organico Covid") ancora in attesa di ricevere il primo stipendio". Inizia così la denuncia di Licia Mataresi, segretaria generale Flc-Cgil, riguardante la situazione di alcuni lavoratori livornesi appartenenti al mondo della scuola: "La decisione del governo di rinviare di quattro giorni il ritorno alla didattica in presenza - le sue parole - ha generato molta confusione. La mancanza di un adeguato coordinamento tra Stato, Regioni e scuole sta generando contraccolpi negativi sul fronte occupazionale, in particolar modo in relazione agli organici aggiuntivi. In tutta la provincia di Livorno in centinaia erano stati infatti assunti a fine settembre come supporto al personale scolastico ma poi le assunzioni sono state bloccate per mancanza di fondi. Senza contare che oggi ci risultano almeno una cinquantina di lavoratori (tra docenti e personale Ata) degli organici aggiuntivi che ancora non hanno riscosso il loro primo stipendio". 

Il sindacato, facendosi portavoce della precaria situazione in cui si trovano i lavoratori, chiede a gran voce un pronto intervento delle istituzioni e governo: "Tutto ciò è inaccettabile. La decisione del governo di far slittare ulteriormente in ritorno in classe è incomprensibile. La macchina organizzativa era già pronta per la ripartenza: i tavoli di confronto dei giorni scorsi avevano infatti visto prefetti, dirigenti scolastici e aziende di trasporto discutere e approvare piani di entrata/uscita dalle scuole di alunne e alunni. I sindacati - esclusi da tali tavoli - avevano da tempo suggerito soluzioni e messo in allarme i politici sul tema della sicurezza: purtroppo nessuno di tali suggerimenti è stato preso in considerazione. Nessuna risposta soddisfacente neanche in relazione alla richiesta di aumentare gli organici per permettere la riduzione del numero di alunni per classe". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento