rotate-mobile
Scuola

Scuola, il coordinamento 'Stop Comprensivi' chiede un incontro alla Regione: "Il progetto va fermato"

La rete composta da insegnanti, dirigenti e personale scolastico ha inviato una lettera a Firenze e invitato ad un confronto sul tema l'assessore Alessandra Nardini

Continua a far discutere, in città, il percorso che dovrebbe portare in vista del prossimo anno scolastico alla nascita di nove istituti comprensivi. Tanto che la rete composta da insegnanti, personale scolastico e dirigenti, dopo le manifestazioni dei giorni scorsi, ha chiesto nella giornata di ieri un incontro alla Regione per fermare il progetto. Il motivo? "Ci sembra un piano ancora non ben definito - hanno fatto sapere - con problematiche presenti e inascoltate".  

Istituti comprensivi, la protesta di insegnanti e personale Ata: "Non è il modo né il momento per istituirli"

L'iter per gli istituti comprensivi, composti da scuole dell'infanzia, scuole primarie e scuole secondarie di primo grado, è in fase di completamento e l'amministrazione comunale ha annunciato che il primo anno, il 2022-23, sarà sperimentale, così da apportare i correttivi del caso. La loro nascita non ha mancato di destare  perplessità, soprattutto negli ambienti scolastici. E dopo gli striscioni di protesta apparsi nel fine settimana ieri - in attesa di altre manifestazioni di protesta - è partita la lettera indirizzata a Firenze per ribadire il 'no' al progetto. Invitando, peraltro, ad un confronto specifico sul tema in questione l'assessore all'Istruzione, Alessandra Nardini. 

Il coordinamento: "Un passaggio dettato più da ragioni di bilancio che pedagogiche"

"Anche alla Regione - hanno scritto i rappresentanti - abbiamo rivolto le nostre preoccupazioni per la situazione che si potrebbe venire a creare con un passaggio che oggi appare dettato più da ragioni di bilancio che pedagogiche. Al momento non ci è stata ancora offerta nessuna motivazione per cui il modello ipotizzato garantirebbe una scuola migliore di quella attualmente in funzione".

Istituti comprensivi, una delegazione ricevuta dal sindaco: "Le nostre richieste non ascoltate"

Il coordinamento ha dunque informato la Regione della proposta: "Il progetto dei comprensivi - hanno scritto -, di cui le famiglie continuano ad essere praticamente all'oscuro, deve essere immediatamente fermato perché al momento non esistono né le necessità pedagogiche, né i tempi tecnici per una partenza dei comprensivi dal prossimo settembre 2022. Fermarsi - hanno evidenziato - è una condizione necessaria affinché, anche con il coinvolgimento di chi per tutta la fase di progettazione è stato escluso (docenti, personale Ata e famiglie), si possano valutare ed elaborare le soluzioni future più adeguate per la scuola del territorio, da ponderare e attuare con la dovuta gradualità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, il coordinamento 'Stop Comprensivi' chiede un incontro alla Regione: "Il progetto va fermato"

LivornoToday è in caricamento