rotate-mobile
social

Bonus acqua potabile 2024, cos'è e come fare domanda: tutte le informazioni

Tempo fino al 28 febbraio per richiedere le agevolazioni. Vediamo chi può usufruirne

Anche in questo 2024 sarà disponibile il bonus acqua potabile, introdotto per razionalizzare l'uso della risorsa e ridurre il consumo di contenitori di plastica. Vediamo chi può fare domanda e come richiedere l'incentivo.

Bonus acqua 2024, a chi spetta e a quanto ammonta

Per accedere al bonus acqua bisogna acquistare e installare sistemi di:

  • filtraggio;
  • mineralizzazione;
  • raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare.

Tutto deve essere finalizzato al "miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti", si legge sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Per chi acquista uno di questi sistemi è previsto un credito d'imposta del 50% delle spese sostenute, anche per l'installazione. L'importo massimo delle spese su cui calcolare l’agevolazione è fissato a:

  • 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche;
  • 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

Oltre alla detrazione, da effettuare in compensazione su F24, il bonus permette un corposo risparmio annuo perché di fatto elimina la necessità di dover comperare dell'acqua. 

Bonus acqua 2024, come fare domanda

Il totale delle spese va comunicato all'Agenzia delle Entrate tra l'1 febbraio e il 28 febbraio 2024. C'è da rispettare una condizione fondamentale: le spese devono essere state sostenute nel 2023. Per richiedere il bonus acqua bisogna accedere alla propria area riservata nel sito dell'Agenzia e cercare la sezione Servizi, nella categoria Agevolazioni. Alla voce "Credito di imposta per il miglioramento dell'acqua potabile" troverete il bonus acqua.

In alternativa, è possibile inviare la comunicazione dopo averla preparata seguendo le indicazioni della scheda informativa. In questo caso, prima del definitivo invio, i file dovranno essere sottoposti ai controlli di conformità utilizzando il software reso disponibile dall’Agenzia delle entrate. C'è un altro passaggio da compiere: le informazioni sugli interventi andranno trasmesse in via telematica all'Enea.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus acqua potabile 2024, cos'è e come fare domanda: tutte le informazioni

LivornoToday è in caricamento