menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata contro la violenza sulle donne, le origini della ricorrenza

La data del 25 novembre è stata scelta in ricordo delle sorelle Mirabal, uccise nella Repubblica Dominicana nel 1960 per mano degli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo

Il 25 novembre, in tutto il mondo, si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, una ricorrenza istituita ufficialmente dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 54/134 del 1999. La scelta di tale data non è casuale, ma si lega ad un fatto di cronaca avvenuto nel 1960 nella Repubblica Dominicana.

Giornata contro la violenza sulle donne, la storia delle sorelle Mirabal

Il 25 novembre di quell'anno, nel Paese caraibico, tre sorelle (Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal) furono infatti uccise a Santo Domingo dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo mentre si recavano a far visita in carcere ai rispettivi mariti, detenuti in quanto dissidenti politici. Le donne furono selvaggiamente picchiate con dei bastoni, stuprate, strangolate e poi gettate in un burrone a bordo della loro auto per simulare un incidente. Motivo della folle aggressione l'attivismo politico delle tre sorelle, appartenenti al gruppo clandestino Movimento 14 giugno ostile al governo. Per la stessa ragione, Patria, Minerva e Maria Teresa (passate alla storia come "las mariposas", ovvero "le farfalle", per il coraggio dimostrato nella lotta al dittatura) erano già state arrestate in passato ed incarcerate per alcuni mesi.

Giornata contro la violenza sulle donne, il simbolo delle scarpe rosse

Il simbolo più noto per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema sono le scarpe rosse lasciate nelle piazze delle città, che deve la sua origine all'opera Zapatos Rojos, ideata nel 2009 dall'artista messicana Elina Chauvet. L'installazione apparve per la prima volta davanti al consolato messicano di El Paso, in Texas, in ricordo delle centinaia di donne rapite, stuprate ed uccise a Ciudad Juarez. Chauvet, attraverso la sua arte, vuole inoltre ricordare la sorella minore, uccisa dal compagno all'età di 22 anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento