rotate-mobile
social

Stella di Natale, i segreti per farla durare a lungo

Ecco alcuni suggerimenti per prendersi cura della pianta simbolo delle festività natalizie

Uno dei simboli più noti delle festività natalizie è la Stella di Natale, pianta ornamentale originaria di Messico e Guatemala che si caratterizza per il suo colore acceso. Questa viene spesso donata come buon auspicio, ma non tutti sanno come prendersene cura: vediamo qui alcuni consigli su come farla durare a lungo senza che si rovini. 

Come curare la Stella di Natale

La Stella di Natale non sopporta temperature inferiori ai 12-15° C. Per tale motivo, durante questo periodo dell'anno, non va tenuta all'aria aperta, ma neanche troppo al caldo, L'ideale, quindi, sarebbe un punto della casa protetto che sia distante dalle fonti di calore. Si consiglia di posizionarla in una zona fresca e umida (anche l'aria secca, infatti, non è alleata della pianta simbolo del Natale). Sì alla luce del sole, ma non all'esposizione diretta.

Come annaffiare la Stella di Natale

La Stella di Natale deve essere annaffiata regolarmente, senza tuttavia esagerare. Si deve procedere a questa operazione quando si nota che la terra si è asciugata, prestando però attenzione a non creare ristagni d'acqua.

La storia della Stella di Natale

La Stella di Natale, come detto, è una pianta originaria del Messico e del Guatemala. Sin dalla fine dell'Ottocento veniva donata come regalo di benvenuto dalle autorità locali agli ambasciatori statunitensi che si recavano in America. Successivamente venne collegata al Natale per il caratteristico colore rosso delle sue foglie. 

Si narra che in un piccolo villaggio nella penisola dello Yucatan viveva una bambina molto povera di nome Altea. Mentre tutti i bambini compravano regali da offrire a Gesù per Natale, lei non poteva comprare nulla. Un giorno, mentre era da sola in casa, le apparve un angelo, il quale le disse di raccogliere dei fiori dai bordi delle strade e di portarli in chiesa come doni per Gesù. L'Angelo le disse anche che il suo dono sarebbe stato il più apprezzato di tutti. La bambina lo ascoltò, raccolse dei fiori, li portò all'altare e inizio a pregare. Quei piccoli fiorellini recisi si trasformarono così in una bellissima pianta dai fiori rossi: la Stella di Natale, che ancora oggi acquistiamo o regaliamo a chi vogliamo bene.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stella di Natale, i segreti per farla durare a lungo

LivornoToday è in caricamento