rotate-mobile
Altri sport

Boxe, Spes Fortitude chiude l'anno con il Memorial Bettinetti: "Fabio sempre con noi"

Al Palacosmelli è andato in scena l'evento in ricordo del tifoso amaranto scomparso a 49 anni

"Fabio era un amico, un fratello e un sostenitore di ogni mio incontro, sarà sempre presente con noi". Così Lenny Bottai ha voluto ricordare Fabio Bettinetti in occasione del primo Memorial, andato in scena giovedì 23 dicembre al Palacosmelli, dedicato al tifoso amaranto scomparso a 49 anni e al quale è stata intitolata la Curva nord. Sul ring erano presenti anche la Veronica Del Giovane, presidente Spes Fortitude, Paolo Toccafondi, numero uno dell'Us Livorno e il sindaco Salvetti.

La serata ha portato ad una donazione di oltre 600 euro alla Lega italiana lotta ai tumori (Lilt) che verranno investiti con una campagna di percorsi di prevenzione gratuiti. Uno dei momenti più emozionanti dell'evento è stato quando il Massy, fratello di Fabio, è salito sul ring dove ha ricevuto una targa ricordo da parte della Spes e una maglia offerta da Toccafondi con il nome Bettinetti. 

Memorial Fabio Bettinetti, il resoconto degli incontri di boxe

Per quanto riguarda invece l'aspetto strettamente pugilistico della serata, la Spes ha dovuto incassare due sconfitte di strettissima misura in apertura. La prima con Corleone, school boys del team Fancelli, avvenuta a discapito del fiorentino Ghini; successivamente quella di Ponzolini - già bronzo agli italiani school boys nei 48 Kg - con il senese Bramerini. Ko purtroppo anche per Spiga (Accademia dello sport) e Saidani (Toro Loco Rosignano), i quali hanno ricevuto uno stop arbitrale (ko tecnico per conteggi in piedi).  Vittoria impressionante invece del tunisino in forza alla Spes, da mesi finito sotto le cure personali e sportive di Lenny Bottai, Weslati, che ha battuto il bravissimo e tenace genovese Piacentino infliggendogli ben due knock down e prevalendo chiaramente ai punti tra gli applausi e gli apprezzamenti di tutti. 

Memorial Bettinetti (1)-2

I momenti clou della serata, sportivamente parlando, sono stati affidati a due professionisti, punta di diamante della Spes: il mediomassimo Federico "super" Gassani e l'ex campione italiano dei supergallo Jonathan "T34" Sannino, opposti rispettivamente al bosniaco Malinovic e al georgiano Ghachechiladze. Malinovic si presentava con un record di tutto rispetto, quattro vittorie e una sola sconfitta, ma Gassani lo ha saputo domare da subito, dopodiché lo ha atterrato al secondo round, e nella ripresa successiva lo ha finito con un preciso montante destro. Gassani ha così chiuso il quarto match consecutivo per ko e si è proiettato in cima ai vertici nazionali della categoria. 

Memorial Bettinetti (3)-2

Ghachechiladze è stato invece un test più sodo per Sannino, che lo ha battuto chiaramente ai punti ma non senza difficoltà. Il georgiano ha saputo tener testa all'atleta della Spes, ricambiando ad ogni scambio “pan per focaccia”, seppur rimettendoci spesso. Dopo sei round intensi, combattuti ed apprezzati, Sannino è così tornato alla vittoria dopo la sconfitta di Brescia che gli è costata il titolo contro Mattia De Bianchi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boxe, Spes Fortitude chiude l'anno con il Memorial Bettinetti: "Fabio sempre con noi"

LivornoToday è in caricamento