Dalle isole Lotofen a Capo Nord: Giuseppe Gaimari sfida il freddo artico in sella alla sua bici

Nuova avventura per l'ultracyclist livornese, che percorrerà mille chilometri con temperature che toccheranno i -20°

Mille chilometri da percorrere in bici nel freddo artico della Norvegia. Questa l'impresa che tenterà Giuseppe Gaimari, ultracyclist livornese vincitore della Tuscany Trail nel 2019 non nuovo a iniziative di questo genere. Il 39enne, a partire dal prossimo 6 febbraio (7 in caso di condizioni di climatiche avverse), sfiderà infatti le temperie ambientali ed il freddo glaciale per coprire il tragitto che separa le isole Lofoten a Capo Nord. Qui Gaimari, che sarà seguito nella sua avventura da un team che si occuperà del supporto fisioterapico e del marketing, con l'impresa presentata da Maldavventura, Garsport, BikeTrotter e Mume Sport di Luca Zanotti, isserà una bandiera della città donatagli dal sindaco Luca Salvetti. "Livorno sa fare cose straordinarie e i livornesi sanno essere protagonisti di imprese prodigiose: Giuseppe è una di queste persone", ha detto il primo cittadino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mille chilimetri nel freddo artico, Gaimari: "Una sfida contro me stesso"

"Lofoten e Capo Nord sono divise da 1000 km in totale - ha detto Gaimari - , ma il confine fisico è dettato anche dalle temperature che affronterò, che toccheranno i -20°. Cercherò di coprire questa distanza in otto giorni, affrontando i dislivelli maggiori nella parte continentale: in totale saranno circa dodicimila metri di dislivello positivo. Troverò il ghiaccio sulla strada e sarò costretto a montare una particolare struttura per la bici: dovrò alleggerirla ed applicare dei copertoni chiodati. La motivazione - ha proseguito - è duplice: da un lato è rappresentata dalla ricerca di un senso di pace data dalla quiete della neve, lo scenario artico genera conciliazione dentro di me; allo stesso tempo la neve rende tutto tecnicamente più difficile, in quanto modifica le caratteristiche del terreno: da qui prende forma lo volontà di sfidare me stesso. Questo tipo di viaggio in condizioni estreme è un atto di ricerca individuale, dove ogni pedalata rappresenta il contrasto fra ricerca interiore e di sfida con me stesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in Fi-Pi-Li, livornese muore a 22 anni dopo lo schianto in moto

  • Effetto Venezia e dintorni 2020, il programma della manifestazione. Salvetti: "Felici di aver investito per la città"

  • Coronavirus Toscana, impennata di nuovi casi: 61 positivi ma nessun ricovero in più. Il bollettino di domenica 9 agosto

  • Miss Livorno 2020, Elisa Giuffrida si aggiudica la prima tappa: tutte le premiate

  • Calambrone, ritrovato il ragazzo scomparso nella mattinata di sabato 8 agosto

  • Cessione Livorno, Fernandez a Genova da Spinelli: 48 ore per chiudere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento