rotate-mobile
Calcio

Livorno, Vargas ai dettagli: oggi l'incontro con Esciua, ma la sfida al Grosseto parte ad handicap

Da lunedì gli amaranto sono senza guida tecnica e domenica al Carlo Zecchini va in scena la partita più importante della stagione. Un ritardo nella scelta del nuovo allenatore che potrebbe ulteriormente complicare la sfida con i biancorossi

LivornoToday su WhatsApp: ecco come iscriversi al nostro canale

Se il nuovo allenatore del Livorno sarà Jorge Vargas lo sapremo oggi 12 gennaio, più o meno intorno all'ora di pranzo. È fissato per quell'ora, infatti, l'incontro decisivo tra l'ex difensore amaranto e il presidente Esciua che dovrebbe finalmente sciogliere il nodo sulla guida tecnica della squadra, lasciata vacante dopo le dimissioni di Favarin in seguito alla sconfitta casalinga con il Poggibonsi. Nell'ambiente trapela un certo ottimismo, confermato dall'intervento dello stesso Vargas nella trasmissione "Avanti Livorno" condotta da Davide Lanzillo su Telecentro, con un accordo di massima già trovato tra le parti cui mancherebbero soltanto alcuni dettagli da perfezionare. Qualora si trovasse l'intesa definitiva, l'ex tecnico di Pro Patria e Vigor Lamezia sarà seduto in panchina domenica prossima 14 gennaio al Carlo Zecchini di Grosseto contro i grifoni padroni di casa.

Un impegno decisivo per la stagione amaranto al quale Luci e compagni arrivano al termine di una settimana burrascosa che ha portato prima il direttore sportivo, Raffaele Pinzani, e poi il mister, Giancarlo Favarin, a rassegnare le dimissioni. Non certo un fulmine a ciel sereno, tuttavia, considerata la posizione dell'ex tecnico ormai da più di un mese sulla graticola, ma che ha comunque colto impreparata la società, colpevolmente in ritardo sulla nomina del nuovo allenatore soprattutto alla vigilia della sfida forse più importante della stagione. Un ritardo che rischia di compromettere l'esito di una partita già di per sé estremamente delicata.

La speranza di tutti i tifosi, ovviamente, è che il cambio in panchina possa essere sufficiente a dare quella scossa fondamentale per invertire da subito una stagione fin qui ben al di sotto delle aspettative. La preoccupazione, invece, è che ancora una volta si sia perso tempo nel procrastinare decisioni che, in certi casi, avrebbero avuto bisogno di maggiore celerità. La sentenza, come sempre, la darà il campo, e solo quello dirà se ha avuto ragione il presidente Esciua o se il Livorno dovrà patire ancora almeno un altro anno nei dilettanti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livorno, Vargas ai dettagli: oggi l'incontro con Esciua, ma la sfida al Grosseto parte ad handicap

LivornoToday è in caricamento