Serie D, Pro Livorno attesa dal Ghiviborgo: i biancoverdi cercano il poker

La formazione di Niccolai, reduce da tre vittorie consecutive, attesa dal recupero della sesta giornata

Trasferta sul campo del Ghiviborgo per la Pro Livorno Sorgenti. I biancoverdi, reduci da tre successi consecutivi che li hanno proiettati nelle zone altissime della classifica, faranno visita alla formazione lucchese nel recupero della sesta giornata del campionato di Serie D girone D (fischio d'inizio alle 14.30 di mercoledì 16 dicembre). Una sfida nella quale la formazione di Niccolai, trascinata da un super Rossi, già a segno 7 volte fin qui e capocannoniere del torneo insieme a Formato della Bagnolese, andrà a caccia di un nuovo risultato positivo, così da continuare a ricoprire il ruolo di sorpresa di questo inizio di stagione. 

Ghiviborgo, lo stato di forma dei prossimi avversari della Pro Livorno

Il Ghiviborgo, reduce dal blitz esterno sul campo della Marignanese firmato da Andreotti, che ha consegnato alla formazione di Lavezzini la prima vittoria in campionato, naviga attualmente nei bassifondi con appena cinque punti conquistati in sei gare. Guai però a prendere sottogamba i biancorossi, che tra le proprie file possono contare su elementi di valore come Felleca, autore di 4 reti in questo inizio di torneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio ghiaccio e temperature sotto zero: a Livorno è allerta meteo per martedì 12 gennaio

  • Coronavirus, l'annuncio di Giani: "La Toscana resta in zona gialla". Novità sugli spostamenti tra regioni, musei e asporto

  • Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

  • Coronavirus: 79 positivi tra Livorno e provincia, 379 in Toscana. Il bollettino di lunedì 11 gennaio

  • Allerta meteo a Livorno, codice giallo per rischio neve e ghiaccio nella notte tra sabato e domenica 17 gennaio

  • Livorno in crisi, Dal Canto si sfoga: "L'unico obiettivo è evitare l'ultimo posto. Mercato? Non viene niente"

Torna su
LivornoToday è in caricamento