Livorno Calcio

Livorno popolare, per vedere i bilanci manca il sì dei piemontesi: "Tremila persone meritano rispetto, verremo allo stadio"

Alla manifestazione d'interesse del comitato che porta avanti il progetto di azionariato popolare hanno risposto Spinelli, Navarra e Ferretti. Mancano Aimo (Tkm), Casella e Presta (Sicrea)

Basta parlare di imprese e miracoli, siamo realisti: il Livorno è retrocesso. Non ancora matematicamente, certo, ma aspettare il verdetto del campo significa prolungare inutilmente un'agonia che ci saremmo volentieri risparmiati. Meglio guardare oltre, anche se all'orizzonte non si prospetta niente di buono, salvo l'interesse manifestato da Livorno popolare, il comitato che porta avanti l'idea di azionariato con i tifosi soci di maggioranza della società. Forse poco per pensare immediatamente in grande, sicuramente meglio di una una compagine societaria che ha portato il Livorno al punto più basso dei suoi 106 anni di storia.

Livorno, altra batosta: tolti 3 punti per gli stipendi pagati in ritardo

Quei soci che adesso devono scoprire le carte. Perché se ai patti di segretezza ci si può appellare in trattative con fantomatici imprenditori più o meno realmente interessati all'acquisto della società, altrettanto non potrà valere con Livorno popolare che, almeno, sta avendo il merito di agire in totale trasparenza, condividendo pubblicamente informazioni e strategie. Trasparenza in nome della quale ci è dato sapere che alla dichiarata volontà, tramite posta certificata, di vedere i bilanci del Livorno calcio per valutare l'ipotesi di avviare una trattativa, hanno risposto positivamente sia Spinelli sia Navarra, con Ferretti che si è aggiunto nelle ultime ore, mentre manca il sì dei "piemontesi".

"Restiamo invece in attesa di segnali da parte di Aimo e del gruppo Sicrea - dicono da Livorno Popolare - che al momento non hanno dato nessun seguito alla nostra Pec. Il nostro studio legale, in tal senso, invierà uno specifico sollecito. A mali estremi, in caso di ulteriore silenzio, nella prossima partita casalinga all'Armando Picchi chiederemo risposte ai diretti interessati presentandoci materialmente allo stadio. Le tremila persone che hanno sottoscritto questo percorso meritano rispetto e attenzione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livorno popolare, per vedere i bilanci manca il sì dei piemontesi: "Tremila persone meritano rispetto, verremo allo stadio"

LivornoToday è in caricamento