menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calciomercato Livorno, Mazzarani in bilico: "Aspetto gli amaranto, ma senza fideiussione dovrò fare altre scelte"

Il fantasista, aggregato al gruppo da settembre, attende ancora di poter essere tesserato: "Mi sento parte integrante del gruppo, spero che questa situazione possa risolversi nel verso giusto"

Era là, imbacuccato sull'ultima fila della tribuna dell'Armando Picchi anche in occasione della partita con la Pro Patria, persa dagli amaranto per 0-2. Era là, come sempre da cinque mesi a parte, a guardar soffrire e lottare i suoi compagni, alla disperata ricerca di punti salvezza. Sì, perché per Andrea Mazzarani, malgrado il suo tesseramento ufficiale con il Livorno non sia ancora avvenuto, quelli sono i "suoi compagni". "Io mi sento parte integrante di questo gruppo", ci ripete più volte al telefono. Eppure, il futuro del fantasista, il cui cartellino appartiene ancora al Catania, potrebbe essere lontano da Livorno: senza il deposito della fideiussione richiesta dalla Lega in sostituzione di quella respinta lo scorso novembre, infatti, il suo tesseramento non può avvenire. E il tempo, ormai, stringe: "Io aspetto ancora, ma adesso sto iniziando a guardarmi attorno", ammette l'ex Entella.

Ciao Andrea, veniamo subito al punto. Qual è ad oggi la tua situazione?
"In società mi hanno detto che la fideiussione dovrebbe arrivare in settimana, forse già domani: in questo modo sarei subito disponibile per la gara con la Pro Sesto di domenica prossima. Io mi auguro che sia davvero così, non tanto per me, quanto per i ragazzi: adesso la situazione è drammatica e serve ricostruire una squadra. Sono necessari innesti anche da un punto di vista strettamente numerico".

Ma quanto sei ancora disposto ad aspettare? La vicenda legata al tuo tesseramento si trascina ormai da mesi...
"Non mi piace dare ultimatum, anche perché se magari dico un giorno e poi la fideiussione viene fatta il giorno dopo avrebbe poco senso. Io comunque sono qui ormai da cinque mesi e mi sento parte del progetto. Con i ragazzi e con il tecnico si è creato un ottimo rapporto: spero vivamente che questa situazione possa finalmente risolversi". 

Immagino che comunque tu adesso, visto il clima di incertezza, ti stia guardando intorno.
"Chiaramente, con l'inizio del mercato, io e il mio procuratore abbiamo iniziato a muoverci ed alcune offerte sono già arrivate. In questo momento, comunque, vivo non alla giornata, ma al minuto".

Tra le opzioni c'è anche un ritorno al Catania?
"In questo momento non hanno intenzione di tenermi con loro, quindi, anche solamente da un punto di vista logistico, avrebbe poco senso tornare là per poi muovermi di nuovo". 

Torniamo al Livorno. Adesso la situazione, anche in classifica, si è fatta particolarmente difficile: qual è l'umore all'interno della squadra?
"Il morale del gruppo ovviamente non è alto. In questo momento la squadra è formata in gran parte da molti ragazzi giovani che hanno entusiasmo, ma adesso c'è bisogno di risultati. Ripeto, la situazione è difficile. Poi, se mi permetti, voglio aggiungere un'ultima cosa".

Prego.
"Mi auguro con tutto il cuore che tutta questa vicenda possa concludersi per il verso giusto. Me lo auguro per i ragazzi, per la storia gloriosa di questo club e anche per me: io sono qua ormai da cinque mesi, mi sento parte integrante di questo gruppo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ricette locali, le cee alla livornese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento