Livorno, Spinelli: "Credo nella salvezza e in tre o quattro anni torneremo in serie A"

Il presidente amaranto a Milano per l'ultimo giorno di calciomercato: "Tutti vogliono i nostri giocatori, ma non vendo nessuno. Credo nella salvezza e in pochi anni risaliremo"

Ride, scherza, si diverte come fosse un ragazzino al primo anno di calcio quando invece, dietro a una scrivania, ne ha già spesi 35. Quattordici da presidente del Genoa, 21 da numero uno del Livorno. Aldo Spinelli, 80 anni festeggiati a inizio gennaio, è in prima fila all'Hotel Sheraton di Milano per l'ultima giornata di calciomercato che si chiude oggi 31 gennaio. Il presidente mostra un entusiasmo che solo lui riesce ad avere con una squadra ultima in classifica, a un abisso dalla salvezza, e una società in grado di completare appena tre acquisti (Ferrari, Awua e Seck) che non sembrano certo spostare gli equilibri in rosa. È certo di ottenere la salvezza, dice di non voler vendere nessuno perché l'obiettivo e rinforzarsi e, clamoroso, di voler riportare la squadra in serie A nel giro di tre o quattro anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Calciomercato, tutte le trattative dell'ultima giornata: salta Rizzo, Gonnelli va al Bari

Spinelli: "Il Livorno mi è costato tanto, ma mi diverto la squadra in serie A"

"Non vendo nessuno - attacca Spinelli -, ci hanno chiesto Bogdan, Di Gennaro, Marras e Marsura ma noi vogliamo rinforzarci". Suona il telefono, il presidente risponde in diretta e al conduttore Michele Criscitello conferma: "Ci hanno offerto un attaccante, ma hanno alzato il prezzo. Siamo qui per mettere a segno qualche colpo, tuttavia mi sembra che a giro ci sia poca roba. Intanto abbiamo messo a posto il centrocampo, preso un terzino dalla Roma e un attaccante dal Bari". Come spesso capita con Spinelli, il discorso vira sui soldi spesi in tanti anni di calcio. "A Genova meno, ne ho ripresi un po', ma il Livorno mi è costato tanto. Questa è una piazza che viveva di basket, poi si sono abituati bene e adesso anche la serie B va stretta. Ma sono certo che ci salveremo e riporteremo la squadra in serie A nel giro di tre o quattro anni. Se sono stanco? Assolutamente, il calcio mi diverte ancora". A divertirsi un po' meno, invece, sono i tifosi del Livorno. Soprattutto quando, a fine collegamento con il presidente Spinelli, arriva la notizia del mancato trasferimento di Giuseppe Rizzo dal Catania e quello invece avvenuto di Lorenzo Gonnelli all'Alessandria . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Caos Livorno, inizia l'esodo dei giocatori: Mazzarani, Maestrelli e Kasa i primi a lasciare il Coni

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Venezia, movida irresponsabile con assembramenti, fumogeni e risse: gli interventi delle forze dell'ordine

  • Coronavirus Livorno, esercizi commerciali di vendita al dettaglio aperti dalle 6 alle 22: l'ordinanza di Salvetti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento