Livorno Calcio

Livorno, Castellano tra rimpianti e speranze: "Buttati via troppi punti, serve arrivare ancora vivi alla gara con la Pro Sesto"

Amaranto chiamati ad un'impresa per evitare la retrocessione in Serie D. Il centrocampista: "Il contesto ha influito, in un'altra situazione saremmo stati nella prima metà della classifica"

Arrivare allo scontro diretto contro la Pro Sesto nell'ultima giornata di campionato con ancora qualche chance da potersi giocare. Questo l'obiettivo del Livorno nel finale di stagione, con gli amaranto che, a tre giornate dal termine del torneo, navigano ancora all'ultimo posto malgrado gli ultimi cinque risultati utili consecutivi. Il distacco abissale dalle squadre che precedono Mazzarani e compagni in classifica, tuttavia, non permette alcun margine di errore alla formazione di Amelia, che dovrà sperare anche in qualche passo falso delle dirette concorrenti per cercare di acciuffare in extremis i playout. "Finché c'è speranza dovremo dare il massimo, vogliamo arrivare a giocarci tutto negli ultimi novanta minuti", ha dichiarato il centrocampista Fabio Castellano in videoconferenza su Zoom nel pomeriggio di giovedì 15 aprile.

Cessione Livorno, offerta indiana e azionariato in attesa dei bilanci: i compratori ci sono, Spinelli e soci dicano se vogliono vendere

Castellano: "Buttavia via troppo punti, ma non molliamo"

"Con tutto il rispetto per la Lucchese - ha dichiarato Castellano -, domenica non c'è stata partita: se uno guardava la gara senza conoscere la classifica, non avrebbe mai detto che noi siamo ultimi. Peccato per il risultato, abbiamo buttato via tre punti visto che abbiamo avuto tante occasioni per segnare. Siamo amareggiati, ma ora dobbiamo pensare al Como: sappiamo che sarà una partita difficile, ma abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti".

"Siamo rammaricati per i tanti punti buttati via nei mesi scorsi - ha continuato il centrocampista -, potevamo raccogliere di più. Credo che questa squadra abbia un valore molto maggiore di quanto dica oggi la classifica: sono sicuro che in un altro contesto saremmo potuti stare nella parte sinistra della classifica. Ora però guardarci indietro non serve più a niente, dobbiamo rimanere concentrati solamente sulle prossime tre partite: vogliamo arrivare all'ultima giornata contro la Pro Sesto nella miglior condizione possibile".

"Sceglierei ancora Livorno, questa piazza non si discute"

Castellano ha poi analizzato le differenze tra Dal Canto ed Amelia, prima di soffermarsi sul suo rendimento individuale: "Dal Canto è un ottimo allenatore, penso che abbia pagato colpe non sue - ha affermato -. Adesso forse siamo un po' più brillanti ed abbiamo più gamba, stiamo meglio dal punto di vista fisico. Il mio rendimento? Quando è arrivato Amelia è cambiata la metodologia di lavoro ed è stato necessario un percorso di conoscenza con lo staff. Poi, quando sono stato messo in campo, ho cercato di fare del mio meglio. Quello di regista davanti alla difesa - ha aggiunto - è il ruolo che sento più mio, ma nel corso della stagione ho fatto anche la mezzala: sono sempre pronto a mettermi a disposizione dell'allenatore, dando il massimo in ogni posizione".

Livorno-Como, Amelia: "Riprenderci i punti persi a Lucca, vogliamo dedicare a Morosini qualcosa di importante"

Il centrocampista, infine, è ritornato sulla scelta di approdare in maglia amaranto durante lo scorso mercato invernale: "A gennaio, con il cambio di allenatore, l'Alessandria ha preferito altri profili ed io ho ritenuto Livorno la scelta migliore per me, malgrado sapessi che la situazione non era delle migliori. È una scelta che rifarei ancora senza dubbio, questa piazza non si discute".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livorno, Castellano tra rimpianti e speranze: "Buttati via troppi punti, serve arrivare ancora vivi alla gara con la Pro Sesto"

LivornoToday è in caricamento