rotate-mobile
Livorno Calcio

Salvezza Livorno, Diamanti mantiene la parola: a piedi al Santuario di Montenero

Alino ha mantenuto fede alla promessa fatta a novembre: questa mattina il ritrovo in Baracchina Bianca e poi la salita a piedi al Santuario

Una promessa è una promessa e, come tale, va mantenuta. Ne sa qualcosa il fantasista del Livorno Alessandro Diamanti, che a novembre, quando gli amaranto erano mestamente fanalini di coda del campionato di Serie B, aveva dato la sua parola: in caso di salvezza degli amaranto, aveva detto il numero 23, "salirò a piedi a Montenero".

Raggiunto il traguardo grazie al pareggio di Padova e alla contemporanea sconfitta della Salernitana a Pescara, Alino ha tenuto fede all'impegno: dopo aver dato appuntamento tramite il proprio profilo Instagram a compagni di squadra, amici e tifosi, il fantasista del Livorno, insieme a una cinquantina di persone, si è ritrovato nella mattinata di giovedì 16 maggio in Baracchina Bianca, dove è stato premiato dal club "Magnozzi" come miglior giocatore della stagione. Una sbicchierata per festeggiare ancora la salvezza e poi il via alla camminata con Gonnelli, Valiani, capitan Luci, Gasbarro e Paolo Brosio, il giornalista e personaggio televisivo pisano ma grande tifoso del Livorno. In cima, dove al gruppo si è aggiunto anche Di Gennaro, Diamanti e compagni hanno reso omaggio alla Madonna, prima di brindare ancora una volta al traguardo raggiunto presso il ristorante dei fratelli Conti.

Salvezza Livorno, Diamanti a Montenero con i compagni di squadra

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvezza Livorno, Diamanti mantiene la parola: a piedi al Santuario di Montenero

LivornoToday è in caricamento