Caos Livorno | Fideiussione in ritardo, Navarra si tira fuori: "Stanco di CereaBanca e di Spinelli. Paghino loro, io vado in tribunale"

Anziché la svolta, arriva l'ennesima rottura. I soci verserebbero oggi la garanzia bancaria dopo la proroga della scadenza accordata dalla Lega, mentre il presidente ritira la propria. "Finita alle 17.01 di ieri, non voglio più avere a che fare con certi personaggi"

"È arrivato il momento di mettere un punto. Non voglio più avere a che fare con questi personaggi, sono stanco dei loro ritardi. Andrò in tribunale, spero si faccia presto a chiarire le responsabilità di tutta questa vicenda". Parola di Rosettano Navarra, il presidente in carica del Livorno calcio che si tira fuori dai giochi al termine del tanto atteso giorno del dentro o fuori, sì, ma per la presentazione della fideiussione da circa un milione di euro che avrebbe permesso di mettere a posto almeno la squadra, definendo finalmente la rosa dei giocatori a disposizione di Dal Canto. 

Caos Livorno, tempo scaduto per salvare la società: dentro chi mette i soldi, fuori gli altri 

E invece martedì 13 ottobre è stata la solita corsa a ostacoli, apparentemente o forse volutamente insormontabili, sui quali ha inciampato ancora la nuova compagine societaria amaranto fino all'ennesima rottura. Società alla quale la Lega avrebbe tuttavia concesso una proroga, posticipando a oggi la nota scadenza della garanzia bancaria che, qualora venisse anche presentata, come sembra, da CereaBanca (pare di 650mila euro compresa la quota di Spinelli), non eviterebbe comunque il punto di penalizzazione e non basterebbe per tesserare i nuovi giocatori. E mancherebbe della parte di Navarra, comunque il solo che, anche ieri alle 21.52, si è reso disponibile a raccontare la sua verità. L'unica, dunque, che riporteremo in attesa che qualcun altro abbia voglia di raccontare la propria.  

Presidente, partiamo dalla fideiussione mancata, da CereaBanca o da Spinelli?
"
Spinelli, la banca. Sono stanco dei continui ritardi, delle cose che arrivano il giorno dopo, ci impediscono di lavorare e ci fanno accumulare punti di penalizzazione. La scadenza era alle 17, io avevo mandato la mia fideiussione al segretario del Livorno, Alessandro Bini, ma domani (oggi, ndr) non ci sarà più. Adesso basta, è finita alle 17.01".

Si spieghi meglio, ha ritirato la sua fideiussione?
"Avevo dato ordine di farla partire appena arrivava quella della banca perché non avrebbe avuto senso presentarla incompleta. Il tutto dopo che Spinelli aveva provato a convincermi a non tesserare tutti i giocatori per fare una fideiussione meno onerosa. Ma io non sono venuto a Livorno per fare lo 0-0, quindi o si faceva per intero oppure niente. In sede non è arrivato niente e allora non ci sarà neppure la mia".

E se invece i soci e Spinelli, come sembra, garantiranno la fideiussione?
"
Se questi presentano la loro il giorno dopo, vuol dire che potevano farlo anche quello prima e dunque l'hanno fatto a posta, facendo perdere altri punti alla società. Ecco, questa storia non la faccio più andare avanti, è senza ritorno. Dopo domani poi ci sono 450mila euro da pagare e cosa facciamo, ricominciamo a dire chi li paga e chi non la paga? No, io mi fermo prima del 16 ottobre".

Caos Livorno, fideiussione bloccata dalla guerra tra soci. Salvetti: "Ora fuori i soldi, poi risolvete le vostre questioni"

È questa la resa dei conti?
"Da qualche giorno avevo alzato i toni sperando si smuovesse qualcosa. Ma questa gente continua a prendere in giro la città, i tifosi e me. Non voglio più avere nessun tipo di discorso né con questa banca, né con i soci, né con chi ha venduto loro la società. Qualsiasi cosa succederà con la fideiussione, non contate più su di me".

D'accordo, si tira fuori ma al momento è pur sempre presidente: che intende fare?
"Da questo momento farò solo gli atti ufficiali: convocazione dell'assemblea, che già è stata fatta per il 23 di ottobre, dove presenterò la situazione economica, e poi di conseguenza, visto che non ci sono le condizioni per andare avanti, porterò i libri in tribunale. Da quel momento in poi spero che si possano accertare velocemente le responsabilità di questa vendita e di questa situazione".

Prima del tribunale, però, ci sono un po' di passaggi. E magari alla fine spuntano fuori pure i soldi... 
​"L'assemblea è il 23, se questi il 16 versano la loro parte sarò ben lieto di vedere che i mie soci, per quanto tardi, si siano ravveduti. E quindi, magari, da tutte queste cose che stiamo dicendo ci potrà essere un'altra strada. Ma la consegna della fideiussione un giorno dopo non mi fa cambiare di una virgola quanto detto poc'anzi. Domani (oggi, ndr) non darò alcuna disponibilità".

Non sarebbe stato meglio, a questo punto, aver venduto le sue quote?
"Avevo dato la disponibilità a cederle al 50% di quanto pagato ma non sono stati in grado neppure di prendersi quelle. E adesso magari sembrerò io quello che avrà fatto il danno, ma non è così. Bisogna avere ben chiare le date, i passaggi, chi finora ha messo i soldi e chi ha fatto solo chiacchiere. Se poi il 16 i soci metteranno i soldi sarò felicissimo di andare in assemblea a riscuotere qualche punto in meno in mio favore e dire che hanno pagato. Io i miei già li ho messi, presentino tutto quello che devono presentare, poi vediamo che succede".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'ultima cosa: ha parlato con i giocatori o con l'allenatore?
"Non ancora, mi vergogno troppo dopo essermi speso con tutta la mia esperienza e la mia storia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Caos Livorno, inizia l'esodo dei giocatori: Mazzarani, Maestrelli e Kasa i primi a lasciare il Coni

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Venezia, movida irresponsabile con assembramenti, fumogeni e risse: gli interventi delle forze dell'ordine

  • Coronavirus Livorno, esercizi commerciali di vendita al dettaglio aperti dalle 6 alle 22: l'ordinanza di Salvetti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento