Livorno Calcio

Serie B, Livorno-Frosinone 2-2: un rigore inesistente ferma sul pari gli amaranto

La formazione di Breda lotta e si porta per due volte in vantaggio grazie a Ferrari e Del Prato, ma un discusso penalty trasformato da Dionisi permette ai laziali di strappare un punto

Un furto. Il Livorno, nella 27esima giornata del campionato di Serie B, deve accontentarsi del 2-2 contro il Frosinone, che raggiunge il pareggio grazie a un rigore inesistente. Incredibile quello che è successo al 23' della ripresa, con il direttore di gara Minelli che ha indicato il dischetto dopo che Novakovich, pressato da Seck, è caduto in area di rigore senza alcun tipo di contatto. Uno scempio che pesa come un macigno su una partita che gli amaranto, per quanto visto in campo, avrebbero meritato di vincere. I tre punti, inoltre, avrebbero potuto riaccendere speranze salvezza, oltre a regalare una ventata di entusiasmo in vista del derby con il Pisa di sabato prossimo. Gli amaranto comunque hanno giocato una partita tutta grinta, apprezzata anche dal pubblico che al triplice fischio ha applaudito Agazzi e compagni. 

Livorno-Frosinone, le pagelle: arbitraggio vergognoso

Livorno-Frosinone, la cronaca

Breda conferma il 3-4-3 visto a Verona, con però due cambi di formazione: in difesa, al posto di Boben, c'è Silvestre, mentre in mezzo al campo Agazzi, al rientro dalla squalifica, prende il posto di Luci. Il Livorno approccia il match nel modo giusto e, al 15', sblocca il risultato con Ferrari, che si fa trovare pronto ad insaccare di testa su un preciso cross di Marras. Il Frosinone, da grande squadra, reagisce subito trascinato da Citro: il numero 9 ciociaro prima spaventa Plizzari al 20' e poi trova il pari al 31' con un tocco sotto misura su invito di Novakovich. Dieci minuti più tardi i laziali hanno anche l'opportunità di compiere il sorpasso, ma Rohden, partito da posizione di fuorigioco, spara sulla traversa a tu per tu con Plizzari. Gli amaranto non stanno però a guardare e al 44' sprecano la più grande delle occasioni con Agazzi, che conclude debolmente tra le braccia di Bardi da posizione ravvicinata.

Nella ripresa la formazione di Breda parte con il piede sull'acceleratore e al 50' passa in vantaggio: Agazzi, con caparbietà, recupera un pallone nell'area frusinate ed offre a Del Prato un pallone che il giovane scuola Atalanta non può far altro che spingere in rete. Il Livorno si rende ancora pericoloso con Agazzi otto minuti più tardi, ma il Frosinone, al 69', trova il 2-2 con un rigore inesistente trasformato da Dionisi. La reazione degli amaranto è veemente: prima ci prova Seck al 70', poi Bardi si supera su Bogdan pochi secondo più tardi ed infine Ferrari manda alto di testa al 73'. In pieno recupero ci tenta anche Braken, ma non basta: i ragazzi di Breda devono accontentarsi di un pareggio amaro. Dagli spalti del Picchi, però, piovono applausi.

Il tabellino di Livorno-Frosinone 

Livorno (3-4-3): Plizzari; Di Gennaro, Silvestre, Bogdan; Del Prato, Agazzi, Awua, Porcino (46' Seck); Marras (82' Brignola), Ferrari (81' Braken), Marsura. A disp.: Zima, Ricci, Boben, Luci, Viviani, Morganella, Rizzo, Rocca, Simovic. All. Breda
Frosinone (3-5-2): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Zampano; Krajnc, Rohden, Maiello (63' Dionisi), Haas (66' Vitale), D’Elia; Citro, Novakovic (84' Paganini). A disp.: Iacobucci, Trovato, Salvi, Capuano, Beghetto, Szyminski, Tribuzzi, Luciani. All. Nesta
Arbitro: Minelli di Varese
Reti: 15' Ferrari, 31' Citro, 50' Del Prato, 69' rig. Dionisi
Note: angoli 4-5, ammoniti Marras, Brighenti, Agazzi, Krajnc, Awua, recupero 1'+4', spettatori 3.946

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Livorno-Frosinone 2-2: un rigore inesistente ferma sul pari gli amaranto

LivornoToday è in caricamento