Livorno Calcio

Caos Livorno | Salta il cda, Spinelli paga per tutti ed evita il fallimento. Ma a una condizione: via tutti gli uomini di Carrano

Cda dimissionario, Sicrea di nuovo in possesso del 34%, ad Aimo la delega per i pagamenti (760mila euro garantiti dall'ex pres da versare oggi. Ma le prossime scadenze toccheranno ai soci che le onoreranno solo nel caso in cui vadano via tutti gli uomini dell'ex amministratore delegato

+++ Ultimo aggiornamento alle ore 13 del 16 dicembre+++

Che fosse l'unico ad avere denaro liquido per tenere in vita il Livorno, lo sapevano tutti e non solo qui in città. Che avrebbe tirato fuori quei quattrini necessari per evitare il fallimento, tuttavia, non era così scontato. E invece, a un centimetro dal baratro, Aldo Spinelli ha deciso di mettere mano al portafoglio, versando da solo nelle casse amaranto quanto basta (760mila euro) per sopravvivere e andare avanti almeno fino al prossimo impegno, tra un mese esatto. Quando, a quel punto, toccherà agli altri soci scucire i soldi per non essere di nuovo punto e a capo. Lo farebbero, stando a quanto trapelato nella serata di ieri, purché se ne vadano tutti i dirigenti voluti dall'ormai ex amministratore delegato, Rosario Carrano, l'uomo del "pago domani" che ieri si è visto pure retrocedere le quote societarie (34%) in favore di Sicrea.   

Caos Livorno, Salvetti: "Dimissioni soci e nuovo cda unica strada per evitare il fallimento"

Caos Livorno, cda dimissionario: le condizioni di Spinelli per andare avanti

È questo, in estrema sintesi, l'epilogo dell'ennesima giornata campale in casa amaranto che è servita a gettare le basi per scongiurare l'esclusione dal campionato e il probabile fallimento, ma che ancora non basta a far luce sul futuro. Un cda con assemblea totalitaria che ieri sera 15 dicembre ha portato, su proposta del consigliere e socio Silvio Aimo, alle dimissioni dell'intero consiglio di amministrazione. Regista dell'operazione, insieme allo stesso Aimo, il sindaco Luca Salvetti, che ha avuto il merito di mettere nuovamente a sedere una compagine societaria fino a ieri litigiosa e adesso apparentemente disponibile a una tregua. A condizione, appunto, che insieme a Carrano se ne vadano anche tutti i suoi uomini - ovvero Mariani, Agostinelli, Verdolini e gli ultimi due "acquisti" Balestrieri e Circello, gente da contratti che molti giocatori non si sognano neppure lontanamente -, come chiesto da Spinelli e sottoscritto da Navarra e Ferretti. Difficile, tuttavia, che Mariani e Agostinelli favoriscano l'operazione, ma la questione potrebbe essere riaffrontata più avanti, così come la posizione di Giorgio Heller, presidente dimissionario, è di fatto ancora tutta da chiarire.

Caos Livorno, evitato il fallimento c'è da salvare la categoria. E la strada è tutta in salita

Intanto, questa mattina di mercoledì 16 dicembre Silvio Aimo, con delega di firma per operazioni finanziarie, ha saldato le pendenze in scadenza oggi grazie ai soldi dell'ex presidente. Il pagamento in corso alle 11.57 è divenuto effettivo alcuni minuti dopo, altro che password da cambiare e iban sbagliati. Un primo salvataggio cui dovrà necessariamente fare seguito un programma serrato di ulteriori investimenti per mettere in sicurezza non solo la società, ma la parte tecnica. Perché nel frattempo il Livorno, che tra poco perderà anche Agazzi, Murilo, Marsura e Porcino, è terz'ultimo in classifica e in attesa di una decina di molti punti di penalizzazione che, quando arriveranno, spingeranno la squadra a una distanza abissale dalla salvezza. Con una squadra completamente da rifondare per sperare di mantenere, questa volta sul campo, la categoria. Sarebbe un mezzo miracolo che, chi rimasto, dovrà cercare di realizzare in qualsiasi modo. Sempre che siano rispettate le condizioni dettate da Spinelli e perduri la tregua tra i soci. Incognite che spiegano bene quanto la strada verso la serenità sia ancora molto lunga.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos Livorno | Salta il cda, Spinelli paga per tutti ed evita il fallimento. Ma a una condizione: via tutti gli uomini di Carrano

LivornoToday è in caricamento