rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024

Basket, playoff serie B | Libertas-Roseto, la carica di De Raffaele per gara 4: "Sarà tutta un'altra partita, la serie è ancora lunga". VIDEO

Il coach di Derthona, da sempre cuore amaranto, crede ancora nella promozione e guarda al futuro: "Mi piacerebbe chiudere qui la carriera. Dalla Libertas ho avuto tantissimo, mi piacerebbe restituire qualcosa"

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI LIVORNOTODAY

Toglietegli tutto, tranne Livorno e la sua Libertas. Che, ormai da trent'anni, vanno un po' di pari passo.Perché quando il tempo glielo consente, non perde occasione di venire in città. E quando lo fa, basta che la Akern giochi in casa per rispondere presente al PalaMacchia. Da vero cuore amaranto, lui che su quel parquet di via Allende ci ha giocato una finale scudetto, Walter De Raffaele, oggi coach di Derthona e due volte campione di Italia con Venezia, parla in prima persona plurale quando si tratta di Libertas. Lo fa fuori dal seggio elettorale delle scuole Brin, in via Sardegna, dove ha votato per le elezioni comunali ed europee avendo ancora la residenaz a Livorno, il giorno dopo la brutta sconfitta in gara 3 con Roseto.

"È stata una grande emozione vedere il palasport così gremito e questo è motivo di grande soddisfazione - dice De Raffaele -. Partita difficile, tesa, noi abbiamo giocato al di sotto di quello che possiamo esprimere. Comunque la serie è molto lunga, domani (stasera, ndr) si rigioca: sarà una partita certamente diversa e poi gara 5 è gara 5 per tutti". Per arrivarci, però, servirà un'altra Libertas: "Avevo detto che la cosa importante è provare a giocare e divertirsi - continua -. Ma non è facile, c'è tanta tensione e a volte le cose si complicano. Consigli per gara 4 non ce ne sono molti, se non resettare e pensare soltanto alla partita e poi finita gara4, che sono convinto sarà diversa da gara 3, pensare a gara 5. La serie è lunga" 

Il legame con Livorno non si è mai spezzato.. "Assolutamente, la famiglia è scesa da Venezia e io da Tortona - conclude De Raffaele -, questo è un rapporto viscerale che rimane sempre. Non abbiamo mai spostato la residenza, Livorno è per sempre ed anzi, dopo 30 anni il desiderio è quello di riuscire a tornare a casa perché casa è sempre casa". Magari sulla panchina Libertas: "Il desiderio è restituire un po' di quello che ho avuto a casa mia e in un futuro chissà, mi piacerebbe molto finire qui la carriera".

Video popolari

LivornoToday è in caricamento