Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, il sindaco sul lungomare e per le strade di Livorno: "Pochissimi trasgressori, orgoglioso dei livornesi"

Il primo cittadino in perlustrazione a verificare il rispetto delle norme di comportamento: "I livornesi hanno capito che bisogna stare a casa. È uno sforzo necessario per uscire dall'emergenza il prima possibile"

 

Una domenica surreale, di strade deserte che con quel sole, a Livorno, si fa fatica a credere. Di quelle che, normalmente, vedrebbe migliaia di cittadini riversarsi sul lungomare, assiepati sulle spallette a caccia del posto migliore per assicurarsi la prima tintarella. E invece, fortunatamente, grazie anche ai ripetuti appelli e al pattugliamento delle strade da parte di polizia, carabinieri e Municipale, Livorno è rimasta a casa guardando dalla finestra la splendida giornata di domenica 15 marzo. Rispettate, almeno dalla stragrande maggioranza della popolazione, le buone norme di comportamento indicate nel dpcm e che finalmente sembrano essere state recepite dai più. Con qualcuno che, come solo nella nostra città poteva capitare, che si è inventato un modo originale per passare comunque in compagnia - ma a debita distanza - la domenica in quarantena.

Coronavirus Livorno, tombolata tra finestra e balconi: in Corea la quarantena tra ambo e cinquina

Coronavirus, Livorno deserta. Salvetti: "Non c'è stato bisogno di blindare il lungomare"

A sottolinearlo è anche il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, uscito personalmente in auto per verificare la situazione. "In questa domenica surreale, in cui purtroppo dobbiamo convivere con la notizia della seconda persona livornese deceduta, Livorno ha dato prova di una grande coscienza civica - ha detto il sindaco che ha personalmente girato il video in apertura -. Su 160mila abitanti quasi la totalità è rimasta a casa, poche persone sono uscite seguendo i comportamenti previsti dal decreto (come l'attività fisica o gli acquisti strettamente necessari) e pochissime hanno invece contravvenuto alle normative. Tutto senza bisogno di blindare il lungomare e intervenendo li dove c'era chi contravveniva alle regole. Un risultato che inorgoglisce tutti noi e che ci convince ancora di più del lavoro di sensibilizzazione e controllo fatto in questi giorni. Io non so quanto durerà questa situazione e so che sarà sempre più pesante rimanere in casa nei prossimi giorni, ma è così che abbiamo le migliori chance per uscirne".

Potrebbe Interessarti

Torna su
LivornoToday è in caricamento