Domenica, 17 Ottobre 2021

Malamovida in Venezia, altra notte di ordinaria follia tra rifiuti nei fossi e cestini distrutti. Video

Residenti sempre più esasperati: "Basta parlare di percezione, servono i fatti"

Non sembra esserci un limite alla malamovida che accompagna le notti dei weekend in Venezia. Quella del 2 ottobre, da alcuni residenti, è stata descritta come una "delle peggiori in assoluto" visto che al loro risveglio hanno dovuto fare i conti con rifiuti sparsi in ogni dove, un tappeto di vetri creato dalle numerose bottiglie rotte per non parlare del nauseabondo odore causato da incivili che urinano su auto e muri. Queste scene, purtroppo, per chi vive in zona sono ormai all'ordine del giorno, ma ogni volta lasciano l'amaro in bocca perché vedere giovanissimi alle 21.30 sdraiati per strada già ubriachi non è bello. La serata è andata avanti "come sempre" e i volontari hanno avuto il loro bel da fare. Intorno alle 23, in una piazza del Luogo Pio colma di giovani, una minorenne è stata soccorsa dall'Svs poiché cadeva ripetutamente a terra a causa del troppo alcol ingerito ed è stata portata in ospedale.

malamovida venezia0-2

La notte è proseguita con il "classico" danneggiamento dei cestini dei rifiuti davanti al bar La Venezia, sradicati e tirati contro la spalletta. Cestini che, per stessa ammissione degli spazzini, non potranno essere più utilizzati. Il tutto si è concluso intorno alle 7 con una pattuglia dei carabinieri intervenuta per aiutare un uomo, in evidente stato di alterazione da alcol, che prendeva le bottiglie rimaste intatte che trovava lungo il suo tragitto e le tirava o contro i muri  o direttamente nei fossi.

"Forse questa non è solo percezione - commentano i residenti - ma qualcosa di più. La Municipale è venuta a controllare la zona e a fare le multe alla auto parcheggiate in divieto, ma forse si dovrebbe pensare a qualcosa di più. Capiamo che i soli agenti possono fare poco e allora chiediamo che il Comune chieda l'aiuto alle altre forze dell'ordine per fermare questo scempio che si sta sempre di più accentuando nel quartiere".

malamovida venezia1-2

Gli operatori ecologici hanno iniziato di buon ora a ripulire la Venezia, ma si stanno sobbarcando un lavoro immane che forse si potrebbe evitare. I residenti chiedono che "venga usata una lancia a getto d'acqua per pulire le zone dove i ragazzini vanno a fare i loro bisogni e a vomitare perché il cattivo odore è insopportabile". A rimetterci, oltre agli abitanti del quartiere, è anche il distributore in via della Cinta Esterna poiché le auto e motorini parcheggiati ovunque impediscono ai clienti di arrivare alle pompe e di fare benzina. La speranza è che questa situazione possa trovare presto una soluzione perché ogni fine settimana non è possibile assistere a queste scene di ordinaria follia. 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Malamovida in Venezia, altra notte di ordinaria follia tra rifiuti nei fossi e cestini distrutti. Video

LivornoToday è in caricamento