Incidente nel porto di Livorno, i sindacati: "Sempre ignorate le nostre richieste sulla sicurezza"

Un marittimo rischia di perdere la mano per lo scoppio di un tubo. Filt-Cgil: "Serve un presidio di pronto soccorso anche dentro lo scalo"

A seguito dell'incidente sul lavoro avvenuto nelle prime ore della mattina del 4 dicembre nel porto di Livorno, Cgil e Filt-Cgil sono nuovamente a chiedere che vengano rispettate le regole per la sicurezza sui luoghi di lavoro. L'operaio, trasportato d'urgenza all'ospedale di Firenze, rischia infatti di perdere la mano destra: "Esprimiamo la nostra vicinanza all'uomo - le parole di Patrizia Villa (Cgil) e Agostino Salza (Filt-Cgil) - e, come sempre, torniamo a chiedere quanto da tempo stiamo sollecitando ovvero il rispetto delle regole sulla sicurezza nei luoghi di lavoro". 

Porto, inaugurata la sede dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Incidente sul lavoro, i sindacati: "Serve un punto di primo soccorso anche al porto"

La richiesta dei sindacati, alla luce di quanto avvenuto, è chiara e diretta: "È da tempo immemore che chiediamo un punto di primo soccorso attivo 24 ore su 24 in porto anche in considerazione del traffico passeggeri e delle interferenze gravissime fra merci e passeggeri. Inoltre serve anche un presidio antincendio data la presenza di tante attività ad alto rischio. Vogliamo che si trasmetta sicurezza a chi deve transitare dallo scalo livornese. Ogni volta le nostre richieste vengono condivise, ma restano sempre lettere morte, pare per problemi economici. Ribadiamo invece che la vita e la sicurezza sono al primo posto nella scala dei valori, da qualunque angolatura si voglia leggere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Porto, i sindacati chiedono più sicurezza: "Il protocollo venga rispettato"

"Quanto ancora si dovrà aspettare prima di vedere dei risultati sulla sicurezza?"

Villa e Salza inoltre sottolineano come le loro richieste fossero già stare prese in considerazione dagli stessi operai: "Alcuni anni fa, fu presentato da parte dei lavoratori del servizio integrativo antincendio portuale un progetto che dimostrava come, con una piccolissima spesa a carico delle compagnie che effettuano qualsiasi attività nell'area portuale e dalla Port Authority stessa, si potesse sopperire a quanto richiesto. Siamo stanchi di ripetere le stesse cose e ogni costruzione diventa inutile se resta sulla carta e non diventa fatto. Quanto ancora dovremo aspettare?". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus, due morti e 10 nuovi casi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 22 marzo

  • Coronavirus: un morto e 10 nuovi casi positivi tra Livorno e provincia, 184 in Toscana. Il bollettino di lunedì 23 marzo

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus: nono decesso e 22 nuovi casi positivi tra Livorno e provincia, 238 in Toscana. Il bollettino di martedì 24 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento