Corea, case popolari infestate dai topi. Il Comune: "Via alla sanificazione e messa in sicurezza"

Numerosi roditori presenti in aree condominiali e abitazioni nella zona tra via Gobetti e via Amendola. L'assessore Raspanti: "Abbiamo più volte denunciato questo degrado"

foto d'archivio TriestePrima

Il presidente di Casalp Marcello Canovaro, accompagnato da una squadra di tecnici, ha effettuato un sopralluogo, nel pomeriggio di lunedì 10 gennaio, nel blocco di case popolari tra via Gobetti e via Amendola, nel quartiere Corea. L'area, come riportato dall'amministrazione comunale, è afflitta da vari problemi tra cui quello legato alla presenza di topi nelle aree condominiali e all'interno delle abitazioni. Sul luogo si è recato anche l'assessore al Sociale Andrea Raspanti che ha voluto vedere con i propri occhi la situazione degli alloggi: "Più volte abbiamo denunciato il degrado del nostro patrimonio Erp anche se in questo caso non siamo di fronte a immobili che hanno 70 anni di vita visto che sono stati assegnati nel 2015". 

In Corea, si è presentato anche il capogruppo di Fratelli d'Italia Andrea Romiti che ha voluto denunciare le condizioni in cui alcune persone sono costrette a vivere: "La situazione è vergognosa - ha commentato - perché viene tolta la dignità a questi cittadini che sono costretti a vivere in precarie condizioni igieniche". 

Enriques, un topo tra le aule del liceo

Topi nelle case popolari, il Comune: "Sanificazione e messa in sicurezza"

Il 13 febbraio, Casalp incontrerà nuovamente gli inquilini per capire come muoversi: "Nel frattempo - ha sottolineato l'amministrazione comunale  - insieme ad Aamps verrà iniziata un'opera di sanificazione e messa in sicurezza dell'area. Successivamente, una volta risolto il problema dei roditori, si procederà a un intervento complessivo per rimediare ai problemi di umidità e alle molte infiltrazioni che interessano gli edifici". 

L'assessore Raspanti, che in consiglio comunale aveva denunciato lo stato fatiscente del patrimonio Erp del Comune, ha indicato quali saranno gli ulteriori passi: "Cercheremo di ricostruire il percorso che, in questi anni, ha portato a questa situazione che adesso siamo chiamati a gestire".

Andrea Romiti

Romiti: "Situazione vergognosa, chiedo un intervento immediato"

Sulla questione è intervenuto anche l'ex candidato sindaco del centrodestra, che si è recato in una delle case infestate dai roditori per parlare direttamente con i proprietari: "Questa situazione è vergognosa e toglie la dignità a molti cittadini. Addirittura alcune persone, come testimonia un referto, sono state morse dai topi. Come Fratelli d'Italia presenterò un'interpellanza dove chiederemo un intervento rapido perché questi livornesi non possono vivere così". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo paura a stare qui - fanno eco a Romiti gli inquilini delle case popolari infestate -, perché sentiamo grattare dentro le pareti nel cuore della notte. Per cercare di rimediare a questo problema ci siamo muniti di un dispositivo che genera ultrasuoni ma, purtroppo, neanche questo sta funzionando". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isola d'Elba: avvistato il Khalilah, lo yacht tutto ricoperto d'oro

  • Mick Jagger sceglie Bolgheri e la Toscana per le sue vacanze estive

  • Coronavirus Toscana, albergo sanitario obbligatorio per i positivi: "Scongiurare il moltiplicarsi di focolai domestici"

  • Tragedia ai Tre Ponti, 81enne muore annegato dopo aver accusato un malore

  • Coronavirus, un caso tra Livorno e provincia, altri otto in Toscana. Il bollettino di sabato 4 luglio

  • Mascagni Festival, palcoscenico alla Terrazza e anteprima in Fortezza Nuova: tra i protagonisti anche Luca Zingaretti. Il programma

Torna su
LivornoToday è in caricamento