Giorno della memoria, sul palco del Vertigo il "Processo a Dio"

Domenica 26 gennaio alle 17, al Teatro Enzina Conte del Centro culturale Vertigo, è in programma "Processo a Dio" dal testo di Stefano Massini, uno spettacolo incisivo che guarda all'Olocausto evitando strade già percorse e regalando induzioni preziose al pubblico. Regia di Amasi Damiani.

"Ci sono idee - frammenti di luce, indizi di storie - che incontri una volta e non ti lasciano più. Erano anni che tenevo chiusa in qualche cassetto della mente la traccia di un "Processo a Dio" all'indomani della Shoah. Immaginavo quel processo come una resa dei conti: violenta, acuta, drastica. (...) Sono stato spettatore di ciò che scrivevo e scrittore di ciò che vedevo scorrermi davanti agli occhi". 
A parlare così è Stefano Massini, uno scrittore di straordinario talento che si sta imponendo con sempre maggior forza sulla scena nazionale, proponendo testi di profondo coinvolgimento emotivo e vigore drammatico. Un lavoro incisivo, che guarda all'Olocausto, questa grande tragedia dell'uomo e della storia, con la più angosciante e dolorosa delle domande, per il più irresolubile dei misteri: dov'è Dio mentre si soffre? dov'è quando vengono compiute azioni prive di senso e di umanità? 
A questi quesiti vuol giungere Elga Frisch, la protagonista di Processo a Dio. Elga è un'attrice, di Francoforte, di origini ebraiche, che viene deportata nel campo di Maidanek, dove conosce le inimmaginabili atrocità del nazismo. Sopravvissuta allo sterminio, Elga torna alla vita, animata dall'intento di avere ragione della sofferenza inflitta al suo popolo. "Perché?" È così che porta Dio alla sbarra assieme ad alcuni altri personaggi che assisteranno al processo: il rabbino Nachman difensore di Dio, il giovane Adek- figlio del rabbino - smanioso di vendetta, lo Scharführer Reinhard in rappresentanza del Reich e i due anziani Solomon e Mordechai, giudici severi di un processo senza esclusione di colpi. Inoltre è in scena un enigmatico Jafet vittima delle torture naziste che assume il ruolo di giudice "dal cuore puro". 
Interpreti: Manola Bichisecchi, Riccardo Monzani, Giorgio Notari, Andrea Bocelli, Maurizio Pastacaldi, Alessandro Curcio e Federico del Nista.
Collaborazione artistica Adriana Lamacchia, luci Chico de Maio.

PER INFO
Teatro Enzina Conte
via del pallone 2 Livorno
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Racconti di altre danze", torna a Livorno il festival dedicato alla danza contemporanea

    • dal 10 ottobre al 1 dicembre 2020
    • varie
  • Al via i nuovi corsi di recitazione del Teatro della Brigata

    • dal 26 ottobre 2020 al 3 giugno 2021
    • Teatro della Brigata

I più visti

  • "Vissi d'arte", il Novecento di Guttuso, Carrà e Morandi in mostra al Museo della Città

    • dal 30 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Museo della Città - Luogo Pio Arte Contemporanea
  • "Racconti di altre danze", torna a Livorno il festival dedicato alla danza contemporanea

    • dal 10 ottobre al 1 dicembre 2020
    • varie
  • Al via i nuovi corsi di recitazione del Teatro della Brigata

    • dal 26 ottobre 2020 al 3 giugno 2021
    • Teatro della Brigata
  • Teatro, al via i corsi della scuola di recitazione "Le ali di Icaro"

    • dal 19 ottobre 2020 al 15 giugno 2021
    • danza&danza
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LivornoToday è in caricamento