Coronavirus, sì alle passeggiate con i disabili: "Rientrano tra i motivi di salute indicati dal decreto"

Ad annunciarlo l'assessore al Sociale Andrea Raspanti: "Speriamo che questo possa alleviare il peso delle famiglie"

alle uscite per accompagnare i disabili a fare una passeggiata. Ad annunciarlo l'assessore al Sociale Andrea Raspanti, che ha sottolineato come questo rientri tra i motivi di salute indicati dai vari decreti della presidenza del consiglio per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Una valutazione concordata dall'amministrazione comunale con la Prefettura e condivisa con la ASL ed i comuni di Collesalvetti e Capraia. Le passeggiate, durante le quali i soggetti affetti da gravi handicap potranno essere accompagnati da un familiare e/o un assistente, dovranno ovviamente svolgersi nel rigoroso rispetto delle norme vigenti, rimanendo quindi nei pressi della propria abitazione e con regolare possesso dell'autocertificazione e della copia del certificato relativo alla concessione della Legge 104, con specifica relativa alla sussistenza dell'articolo 3, comma 3.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus Livorno, Rsa Coteto: "Fate i tamponi ad ospiti e operatori sanitari"

Raspanti: "Speriamo che questo possa alleviare il peso delle famiglie"

"Speriamo che questo piccolo spazio possa contribuire ad alleviare il peso che molte famiglie sono chiamate a reggere in questo frangente - ha dichiarato l'assessore Raspanti -, durante il quale la maggioranza dei servizi per la disabilità sono stati sospesi per ragioni di sicurezza. In questi giorni, molte famiglie e associazioni si sono rivolte al Comune segnalando come le necessarie restrizioni imposte alla vita sociale di tutti noi abbiano effetti estremamente destabilizzanti proprio su coloro che, in ragione di una disabilità relazionale, intellettiva o comunicativa, hanno maggiori difficoltà ad adeguarvisi. La valutazione che abbiamo condiviso anche alla luce di alcune indicazioni dell'Ufficio ministeriale per le politiche in favore delle persone con disabilità -ha concluso l'assessore -, è che un'uscita quotidiana nei pressi della loro abitazione possa essere giustificata come necessità di salute". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Andrea Matteucci, arrestata la giovane alla guida dell'auto. La Municipale: "Accusata di omicidio stradale, positiva all'alcool test"

  • Tragedia in via dei Pensieri, scooterista di 17 anni muore dopo lo scontro con un'auto

  • Dramma a Collesalvetti: gravissima 30enne investita dal fratello dopo una lite, l'uomo inseguito e arrestato per tentato omicidio

  • Campiglia Marittima, uccide un gatto e lo cucina davanti alla stazione: il video virale indigna la rete, denunciato 21enne

  • Funerale Andrea Matteucci, San Jacopo gremita per l'ultimo abbraccio a "Gas"

  • Tragedia alla Leccia, muore a 39 anni dopo aver accusato un malore davanti alla famiglia

Torna su
LivornoToday è in caricamento