Bilancio, manovra di riequilibrio da 3,6 milioni. Ferroni: "Scoperti i servizi prioritari"

Individuate le urgenze, le modifiche saranno presentate in Consiglio entro la fine del mese: "Non metteremo le mani in tasca ai cittadini"

Punto primo, individuare le risorse e redistribuirle secondo un preciso indirizzo politico. Punto secondo, evitare di mettere le mani in tasca ai cittadini. Sono queste le direttive che hanno spinto la giunta Salvetti a una prima revisione del bilancio per il trienno 2018-2020, la cui manovra di riequilibrio sarà presentata in consiglio comunale entro la fine del mese. Un intervento complessivo da 3,6 milioni di euro necessario, dicono dalla giunta, a coprire alcuni servizi ritenuti prioritari dalla nuova amministrazione. A chiarire l'analisi di un bilancio comunque "corretto", "non imbrigliato", ma comunque "scoperto" è la giovane assessore al Bilancio, Viola Ferroni: "Abbiamo trovato un bilancio sostanzialmente corretto - dice Ferroni - e non avrebbe potuto essere altrimenti, ma si tratta comunque di un compitino da ragioneria. Quello che manca completamente è l'indirizzo amministrativo, politico".

Ferroni: "Tagli al sociale e alla cultura: servono 3,6 milioni per coprire i servizi"

Ferroni spiega meglio e, per quanto possibile, entra nel merito: "Inutile dare adesso numeri che sarebbero di difficile comprensione - dice l'assessore -. Possiamo dire che l'avanzo c'è, ma sono stati azzerati alcuni servizi che invece riteniamo prioritari per quanto giuridicamente non essenziali". Il riferimento è ai "tagli alla cultura, al sociale e ad altri settori ancora" che saranno individuati in questi giorni e per i quali servono, nel triennio, coperture complessive per 3,6 milioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le risorse? Puntiamo sul recupero delle morosità e dell'evasione fiscale"

"Abbiamo fatto il conto di quello che ci serve per il 2018-2020 e in totale sono circa 3 milioni e mezzo che, già da ora, posso dire non chiederemo ai cittadini - assicura Ferroni -. Dove recuperare le risorse? In parte con l'applicazione dell'avanzo libero sul bilancio 2018 (1,4 milioni, ndr) e in parte spingendo sul recupero delle morosità e dell'evasione fiscale". "Il lavoro da fare è tanto - conclude l'assessore al Bilancio -. La struttura comunale è stata depotenziata e non riesce ad esprimere al meglio le proprie capacità: è necessario dunque rimettere a punto la macchina amministrativa, rendendola uno strumento utile per un progetto di crescita della città di Livorno e per dare le risposte che i cittadini si aspettano da questa amministrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger sceglie Bolgheri e la Toscana per le sue vacanze estive

  • Tragedia ai Tre Ponti, 81enne muore annegato dopo aver accusato un malore

  • Mascagni Festival, palcoscenico alla Terrazza e anteprima in Fortezza Nuova: tra i protagonisti anche Luca Zingaretti. Il programma

  • Filma il market dove si vende birra fuori orario, consigliere aggiunto aggredito nella rissa in piazza della Repubblica

  • Incidente sul Romito, grave centauro dopo lo scontro in moto con un'auto

  • Coronavirus: zero contagi a Livorno, 19 nuovi casi e due morti in Toscana. Il bollettino di martedì 7 luglio

Torna su
LivornoToday è in caricamento