Trasporti, riattivati i collegamenti con Flixbus tra Livorno e sei città italiane: "Ma le prospettive sono ancora incerte"

Il Managing Director Andrea Incondi denuncia la mancanza di attenzione da parte delle autorità verso il settore del trasporto stradale. "Alcuni sistemi sono privilegiati a scapito di altri"

Foto Facebook Flixbus

Flixbus riaccende i motori e, dopo i mesi di lockdown, riprende le corse anche a Livorno riallacciando i collegamenti con altre sei città italiane: Genova, La Spezia, Roma, Fiumicino, Napoli e Salerno. Le prospettive rimangono, però, ancora incerte e l'esclusione del settore bus dalla strategia del Governo per il rilancio dei trasporti, delinata nell'ambito del DL Rilancio, implica un ritorno in strada a ranghi ridotti e, di conseguenza, una drastica riduzione delle tratte disponibili con partenza dalla nostra città.

Incondi: "Senza aiuti dal Governo, ora a rischio concorrenza e diritto alla mobilità"

"Il testo del Decreto Rilancio votato alla Camera la scorsa settimana segna un colpo mortale per tutto il settore: nessun intervento a sostegno delle aziende che garantiscono il trasporto con autobus sulla lunga percorrenza. La delusione è enorme", dichiara Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia, ricordando anche come molti parlamentari, di maggioranza e opposizione, avessero portato in discussione diverse proposte per porre rimedio alle mancanze del testo originario. "E invece il risultato è zero risorse economichezero interventi. Ne pagheranno il prezzo gli operatori del settore, i lavoratori e i cittadini che, fino a ora, hanno potuto fruire di un servizio pubblico offerto da decine di aziende italiane completamente a proprie spese. Le conseguenze di questa indifferenza politica saranno gravi per tutto il settore del trasporto, per la rete di collegamenti che negli anni eravamo stati in grado di attivare, per l'approccio intermodale verso il quale si diceva di voler andare come Paese".

"Chiediamo al ministro De Micheli un segnale di responsabilità per il futuro del trasporto stradale"

A mancare, secondo Incondi, è stata la volontà politica, del Governo, e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il messaggio che è stato dato è che a ricevere sostegno sono solo quelle aziende di trasporto che già ricevono soldi pubblici. "Ciò che verrà certificato nel testo definitivo del decreto è un'inaccettabile discriminazione tra gli operatori che offrono collegamenti tra centinaia di località con autobus e il trasporto ferroviario non soggetto a obblighi di servizio pubblico. Per questo, stiamo valutando di fare ricorso all'UE: abbiamo già avviato un confronto con la Commissione e ci sono le condizioni per chiedere che vengano bloccate norme che favoriscono alcuni sistemi di trasporto e ne penalizzano altri
Alla Ministra Paola De Micheli, ancora una volta, chiediamo un segnale di attenzione e un atto di responsabilità: si decida davvero di fare qualcosa o si dica chiaramente che per il trasporto stradale non c'è futuro", conclude Incondi.

Da Livorno riattivate rotte per sei mete su 30 collegate prima della pandemia

Penalizzati quindi anche collegamenti con Livorno che, dall'arrivo di FlixBus nel 2016, aveva acquisito un'importanza crescente come snodo all'interno della rete della società in Toscana, prima con l'incremento delle rotte domestiche e poi con il lancio delle prime connessioni internazionali. Delle 30 città collegate prima dell'emergenza sanitaria, solo sei sono raggiungibili per il momento e oltre a tornare a garantire una soluzione di mobilità pratica e per tutte le tasche ai passeggeri in partenza da Livorno, con la riattivazione di tali collegamenti FlixBus mira a facilitare l'arrivo nel territorio dei visitatori provenienti dalle regioni vicine anche in linea con l'importanza strategica attribuita al turismo in questa delicata fase di rilancio del Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Igiene e sicurezza a bordo: tutte le misure prese da FlixBus

Tutte le misure di sicurezza implementate da FlixBus sono elencate in dettaglio nella sezione dedicata sul sito. L'applicazione di misure di sicurezza più stringenti della media e la collaborazione continuativa con le istituzioni e le autorità sanitarie costituiscono per FlixBus prerequisiti fondamentali nella fase di rilancio, per garantire ai passeggeri un'esperienza quanto più piacevole possibile. Allo stesso tempo la società si appella al senso di responsabilità dei clienti perché supportino gli sforzi messi in campo per tutelare la salute loro e del personale di bordo osservando un atteggiamento coscienzioso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Piazza Attias | Carabinieri e Municipale aggrediti da una cinquantina di ragazzini con calci, bastoni e pietre

  • Tragedia in viale Boccaccio, volontario della Misericordia di Montenero muore a 73 anni dopo un incidente

  • Caos Livorno, tre croci e una testa di maiale sul campo dello stadio: "Pagherete tutto". Indagano i carabinieri

  • Piombino, violenta e deruba una 70enne sulla spiaggia: arrestato 35enne

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi: 176 tra Livorno e provincia, 1145 in Toscana. Il bollettino di giovedì 22 ottobre

  • Coronavirus Toscana, dal 18 ottobre i tamponi si possono prenotare online: ecco come fare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento